Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Difesa”

SATELLITI, IL PUNTO DEBOLE DELLA RUSSIA

di Giuseppe Gagliano – La Russia tiene celate le proprie capacità di monitoraggio terrestre. Tuttavia, il recente dispiegamento di tre satelliti di sorveglianza militare rivela che Mosca sta cercando di migliorare le proprie lacune in questo ambito e diminuire la dipendenza dalle immagini satellitari fornite dalla Cina. Vladimir Putin e Juri Borisov, capo dell’agenzia spaziale Roskosmos, hanno partecipato a un evento presso la società Rocket and Space Corp Energia a Korolyov il 26 ottobre 2023, segnando un momento significativo nella strategia spaziale russa. Con il lancio di sei satelliti di sorveglianza militare nell’ultimo anno, i media statali russi hanno annunciato il raddoppio della capacità di osservazione spaziale del Paese, anche se in realtà le capacità effettive rimangono limitate.

NAKO, IN UCRAINA CONTRO I CORROTTI

di Giuseppe Gagliano – La Commissione Indipendente Anti-Corruzione Ucraina (NAKO), un’organizzazione non profit focalizzata sulla lotta alla corruzione e le questioni della difesa, sta attirando figure di rilievo nel suo consiglio. Tra queste spicca Larry Henderson, dirigente del Center for Advanced Defense Studies (C4ADS) statunitense ed ex dirigente senior della CIA. Egli si aggiunge a membri importanti come Andrii Borovyk, direttore esecutivo di Transparency International Ucraina; Sevgil Musayeva, caporedattore di Ukrainska Pravda; e il veterano americano Andrew Bain, ex dirigente del Mozart Group, una società di sicurezza privata attiva nel Donbass e in Ucraina, nonché presidente della società di comunicazioni Atlantic Group e fondatore dell’Ukrainian Freedom Fund.

CINA, MOSSE DELICATE IN UCRAINA

di Giuseppe Gagliano – Da fonti dei servizi segreti francesi, è emerso che durante un recente viaggio Zhao Li, addetto commerciale dell’ambasciata della Cina in Ucraina, ha instaurato contatti con diverse start-up locali, focalizzandosi in particolare su quelle specializzate in droni e guerra elettronica. Tra queste, la SIGINT Kvertus Technology è stata una delle principali interlocutrici. Zhao Li ha mostrato un forte interesse a creare partnership tra aziende cinesi, come il colosso statale della difesa Norinco, e il settore emergente della tecnologia di difesa ucraina.

UNA NUOVA BASE PER CONTROLLARE IL MAR NERO

di Giuseppe Gagliano – La Russia ha progettato di stabilire una base navale a Ochamchire, in Abkhazia, a 30 km dal confine georgiano. Questa mossa è vista come una minaccia alla sicurezza sia della Georgia sia dell’Ucraina. Nel settembre dell’anno scorso, la nave missilistica russa “Tsiklon” arrivò al porto di Sukhumi in Abkhazia, regione indipendentista sotto l’ala russa. In ottobre, l’Abkhazia annunciò un accordo con la Russia per la base navale, prevista per il 2024. Questa base potrebbe influenzare i collegamenti commerciali e di trasporto nel Mar Nero, sfidando le aspirazioni georgiane per il Corridoio di Mezzo Est-Ovest.

SHOIGU E L’ARMATA SEMPRE PIU’ (G)ROSSA

di Giuseppe Gagliano – In una conferenza governativa tenutasi martedì 9 gennaio, il ministro della Difesa della Russia, Sergei Shoigu, ha presentato alcuni aggiornamenti cruciali, come riportato dalla TASS, l’agenzia stampa statale russa. Shoigu ha evidenziato che, nel corso dell’anno passato, le forze armate ucraine hanno subito perdite significative. “Con un’azione sistematica e metodica, abbiamo diminuito la capacità militare dell’Ucraina. Le vittime tra i loro ranghi hanno raggiunto le 215.000 unità, con la distruzione di 28.000 pezzi di armamento,” ha dichiarato Shoigu. Ha inoltre aggiunto: “Rimane ferma la nostra presa strategica lungo la linea del fronte.” Il ministro ha poi sottolineato l’intenzione della Russia di potenziare la produzione di droni: “Stiamo programmando di aumentare l’offerta dei nostri modelli di droni più richiesti. Questo includerà lo sviluppo di una gamma completa, dai droni leggeri fino a quelli di maggiori dimensioni”.

USA E RUSSIA, SCONTRO NEI CIELI DI KIEV

di Giuseppe Gagliano – Gli Usa stanno rafforzando in modo discreto le difese antiaeree di Kiev, utilizzando una tecnologia avanzata per la fusione dei dati al fine di migliorare le capacità di intercettazione. Al contempo, l’intelligence ucraina sta monitorando attentamente varie fonti per proteggere la posizione delle installazioni sensibili. Nonostante l’intensificarsi degli attacchi russi nelle ultime settimane, Kiev è riuscita a mantenere un alto tasso di intercettazione dei missili da crociera e ipersonici del nemico. Questo successo è in parte attribuito a uno strumento di fusione dei dati fornito in modo discreto da Washington.Questo strumento, noto come Integrated Battle Command System (IBCS), sviluppato dal gruppo di difesa Usa Northrop Grumman, non appare in alcuna lista di consegna ufficiale del Dipartimento di Stato americano e il suo utilizzo è tenuto segreto per ragioni operative nelle difese antiaeree.

POUPARD E GLI INCONTRI TRA RUSSI E FRANCESI

di Giuseppe GaglianoGuillaume Poupard, che è stato a capo dell’ANSSI (l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei sistemi informativi) dal 2014 fino alla fine del 2022, ha confermato l’esistenza di colloqui tra la Francia e la Russia per ridurre gli attacchi informatici. Ora vice capo di Docaposte, filiale specializzata nella sicurezza digitale all’interno del servizio postale francese, Poupard ha parlato di questi colloqui in una lunga intervista pubblicata nella rivista francese Études Françaises de Renseignement et de Cyber. Secondo Poupard, questi dialoghi hanno portato all’implementazione di meccanismi di de-escalation da parte di entrambi i Paesi, anche se le loro visioni politiche rimanevano molto differenti. Questa “diplomazia informatica” ha avuto luogo prima dell’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, evento che ha poi interrotto gli sforzi diplomatici.

MALYUK, IL SIGNORE DELLE SPIE DI KIEV

di Giuseppe Gagliano – Vasyl Malyuk, capo del servizio di sicurezza interno dell’Ucraina (SBU), sta sempre più di propagandando le operazioni compiute dai suoi commando, come riferito alla CNN in agosto, inclusa quella contro Ponte di Crimea nel Mar Nero usando i droni Sea Baby sviluppati dal suo servizio. Questo desiderio di attenzione mediatica riflette quello della Direzione Principale di Intelligence Militare (GUR) del ministero della Difesa, che dall’inizio della guerra pubblicizza le proprie operazioni. Malyuk vuole aumentare il numero delle forze speciali SBU Alpha per compiere operazioni “colpisci e fuggi” contro le forze russe lungo il fronte, in coordinamento con il GUR sotto il Comando delle Forze Speciali Ucraine, il SSO.

ALEKSEYEV, TRA WAGNER E IL CREMLINO

di Giuseppe Gagliano – Nel mondo ombroso dell’intelligence russa, poche figure sono tanto enigmatiche quanto il generale Vladimir Alekseyev, primo vicedirettore della GU, l’agenzia di intelligence militare russa precedentemente nota come GRU. La sua figura emerge in un momento cruciale, dove il gioco di potere e l’influenza sul campo di battaglia in Ucraina delineano nuovi orizzonti per la Russia. La carriera di Alekseyev nell’intelligence russa è lunga e variegata. A partire dal 1984 si è distinto nelle forze speciali del GRU, noto anche come Spetsnaz, dove ha guidato operazioni significative di sabotaggio, ricognizione e antiterrorismo. La sua ascesa all’interno della GU è stata costante e impressionante, portandolo al ruolo di primo vicedirettore.