Press "Enter" to skip to content

CYBER E HACKER PER DIFENDERE L’UCRAINA

di Giuseppe Gagliano     Come va la controffensiva cyber dell’Ucraina alla Russia? Secondo le informazioni di Odessa Journal. le forze cibernetiche dell’Ucraina hanno incominciato a porre in essere un’offensiva efficace nei confronti degli invasori russi e anche nei confronti della Bielorussia. Andiamo nel dettaglio. L’Ucraina ha messo in campo l’esercito IT per attacchi informatici contro siti russi e, in modo particolare, contro le banche e le società petrolifere (Gazprom, Lukoil). In primo luogo non va dimenticato che a dicembre, attraverso il Fondo europeo per la pace, il Consiglio europeo aveva concesso ben 30 milioni di euro di aiuti proprio alla difesa Ucraina anche nel settore cibernetico. In secondo luogo, soprattutto grazie al contributo indispensabile americano, la sicurezza informatica ucraina è strettamente legata alla società americana nota come Dai Global. In terzo luogo, l’istituzione ucraina che si occupa di portare in essere questi attacchi cibernetici è la Cyber Unit Technologies (Cut), che ha una dimensione sia difensiva sia offensiva e che ha sede in Estonia, dove – guarda caso – ha sede anche il Centro di difesa informatica della Nato.

In quarto luogo, la formazione nel settore strettamente cyber è stata possibile grazie ai finanziamenti del dipartimento di Stato a Yegor Aushev, fondatore di una società di sicurezza informatica a Kiev e ora incaricato di coordinare le azioni ucraine nel settore. Il contributo da parte americano all’Ucraina non deve destare sorpresa: non va dimenticato che gli Stati Uniti hanno investito centinaia di milioni di dollari proprio per supportare l’Ucraina di fronte all’offensiva cibernetica russa, come si evince chiaramente da una serie di leggi approvate dal congresso degli Stati Uniti: il Department of Defense Appropriations Act 2018, l’Ukraine Security Assistance Initiative, lo State Foreign Operations and Related Programs Appropriations Bill 2018 e il National Defense Authorization Act 2018.

Concretamente, questi disegni di legge si sono tradotti nella realizzazione di una rete di computer in grado di resistere agli attacchi russi che ha sede presso il ministero della difesa Ucraina. Inoltre, il centro cibernetico ucraino lavora in stretta sinergia non solo con il servizio di intelligence ucraina Sbu, ma anche con la CIA e l’NSA.

di Giuseppe Gagliano

Pubblicato su StartMagazine

Tutte le notizie e l’attualità sul nostro canale Telegram

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.