Press "Enter" to skip to content

RUSSIA, GAS E STUPIDARIO OCCIDENTALE

di Mark Galeotti      Quel cattivone Vladimir Putin è tornato con i suoi trucchi. Questa volta non usa come arma gli hooligan del calcio o i vaccini contro il Covid ma a quanto pare il gas. Dal consigliere per la Sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan al segretario alla Difesa britannico Ben Wallace, i politici fanno a gara per incolpare la Russia dell’attuale crisi globale del gas. Il guaio è che non solo questa è cattiva analisi ma è anche cattiva politica.

Come è stato documentato in questo sito e altrove, l’attuale crisi del gas ha numerose cause, che si sono combinate in modo singolarmente problematico. Un anno di Coronavirus (COVID 19) che ha visto le riserve ridimensionarsi; un inverno rigido e un’estate calda, che hanno significato entrambi maggiori consumi; incidenti che hanno interrotto le linee di rifornimento. Tutto questo è poi stato esacerbato da un’accresciuta domanda dall’Asia, che sta essenzialmente monopolizzando il gas naturale liquido (GNL) che altrimenti rappresenta l’alternativa spesso invocata per compensare le carenze di gas naturale. E, naturalmente, i compratori europei che non volevano più impegnarsi con contratti a lungo termine e hanno finito per pagare i prezzi spot.

Ma dove si inserisce la Russia? Mosca ha adempiuto ai suoi impegni contrattuali e, lungi dal “soffocare” in qualche modo il gas, come hanno affermato le fonti britanniche, è ormai vicina a livelli record di forniture. Naturalmente Gazprom cerca di massimizzare i suoi profitti, proprio come il Cremlino inevitabilmente cerca di sfruttare la situazione per spingere i legislatori tedeschi a dare l’ok definitivo al gasdotto Nord Stream 2. Ma qual è il peccato qui? Prima di tutto, la Russia non ha il dovere morale di fornire più gas ogni volta che l’Occidente lo vuole. Finché i russi rispettano i loro obblighi contrattuali, il resto è semplice economia di mercato. A dire il vero, sarebbe molto conveniente per tutti gli altri se Mosca fosse disposta e capace di aumentare l’offerta, ma considerando la continua morsa delle sanzioni occidentali sulla Russia, così come la raffica di critiche ipocrite, dobbiamo aspettarci che Putin faccia di tutto per farci un favore? I fornitori di GNL degli Stati Uniti e del Qatar, che si sono impegnati con entusiasmo per servire l’apparentemente insaziabile mercato asiatico, vengono castigati come maligni manipolatori del mercato e profittatori? La domanda è naturalmente retorica: certo che no.

Inoltre, fino a che punto potrebbe soccorrerci Putin, finché Nord Stream 2 rimane bloccato nel limbo normativo? È chiaro che c’è più capacità nei gasdotti che attraversano l’Ucraina. Tuttavia, Mosca è comprensibilmente riluttante a pagare a Kiev più tasse di transito. Più precisamente, quei gasdotti si collegano in gran parte ai giacimenti di gas esistenti nella regione di Nadym-Pur-Taz (NPT) nella Siberia occidentale, la cui capacità è in declino e che deve dare priorità alle esigenze locali.

I Nord Stream 1 e 2 sono alimentati dai nuovi giacimenti di Yamal, ma con quest’ultimo gasdotto ancora chiuso i russi sono limitati nella possibilità di fornire approvvigionamenti extra. Sebbene ci siano interconnessioni tra i sistemi, anche se Mosca volesse inviare il gas Yamal attraverso l’Ucraina, non è chiaro se potrebbe, dato che queste condotte vengono utilizzate anche per la fornitura domestica. In altre parole, è complicato. Ma nessun problema è mai così complesso che i politici non possano concentrarlo in banali semplificazioni e rozza retorica. Quando l’opinione pubblica diventa più esigente, un capro espiatorio è sempre una buona distrazione, e di questi tempi non c’è capro espiatorio migliore di quello russo.

Sembrano esserci tre ragioni principali per l’analisi insolitamente grezza che viene distribuita sulla crisi del gas, ognuna delle quali ha un impatto particolarmente problematico sulla politica. La ricerca pigra e interessata di una scusa esterna è certamente uno dei fattori. Il problema delle spiegazioni pigre è che spesso portano a risposte politiche pigre – e questo significa costose e/o infruttuose. Parlare di creare una riserva strategica europea di gas, ad esempio, sarebbe costoso e politicamente complesso e richiederebbe anni, il che significa che non avrebbe alcun impatto sulla situazione attuale. Tuttavia, può ottenere molta più trazione politica se presentato come un modo per “difendere” l’Europa contro “l’arma energetica” di Putin.

La seconda ragione è che la questione del Nord Stream 2 è diventata molto più che un gasdotto, ma una divisione tribale sul posto della Russia nel mondo. Che alcuni dei nemici dei gasdotti fossero o meno motivati ​​anche da interessi nel GNL, vendendolo o ricevendolo, questo ha assunto un significato sproporzionato rispetto all’attuale gasdotto. Coloro che affermano che il Nord Steam 2 in qualche modo renderebbe l’Europa più dipendente dall’arma energetica della Russia non riescono mai a spiegare bene come. Sì, consentirebbe a Gazprom di inviare il meno possibile attraverso le condutture ucraine e quindi ridurre al minimo i pagamenti a Kiev, il che è indubbiamente (e senza dubbio intenzionalmente) negativo per gli ucraini, ma difficilmente influenzerebbe la quantità di gas russo consumato dall’Europa.

Semmai, potrebbe effettivamente aumentare la sicurezza energetica dell’UE. Sebbene i giorni di Mosca che spegneva il gas siano probabilmente finiti – i russi non possono permettersi di fare a meno delle entrate – quando l’Europa ha sofferto in passato era essenzialmente a causa della disputa del Cremlino con Kiev. Eppure, mentre Putin potrebbe essere disposto a giocare duro con l’Ucraina, probabilmente ci penserebbe due volte prima di provare a fare lo stesso con la Germania. Vale la pena notare che Angela Markel è stata molto ottimista sul fatto che ulteriori sanzioni deriverebbero da qualsiasi tentativo russo di “armare” l’oleodotto. Così una campagna essenzialmente emotiva contro il Nord Stream 2 limita le opzioni energetiche dell’Europa e mantiene i prezzi alti, nel tentativo disperato di punire Gazprom e il Cremlino (e, implicitamente, la Germania). Chi sta armando il gas qui?

In terzo luogo, il facile presupposto che ogni volta che la Russia è coinvolta si parli di “guerra ibrida” e ”influenza maligna”, sebbene comprensibile, rischia di farci entrare in un circolo vizioso. Permaloso, acutamente consapevole delle sue debolezze e vedendo sempre sottili trame negli errori occidentali, il Cremlino tende a rispondere male alla retorica politica. Una delle grandi virtù della gestione di Putin da parte di Joe Biden al vertice di Ginevra è stata quella di mantenere il discorso duro negli incontri privati, trattando la Russia con rispetto in pubblico. Può sembrare banale, ma le politiche sono decise dalle persone e gli anziani signori del Cremlino prendono sul serio il linguaggio.

Nel frattempo, il rischio è che la retorica blocchi i Governi occidentali in gesti futili e controproducenti. Sono già a conoscenza di almeno un paio di ministeri degli esteri europei che stanno facendo brainstorming su come “punire Mosca per aver creato la crisi del gas” nel caso in cui i loro padroni politici lo richiedano. Ho chiesto a una delle persone coinvolte se il team credeva davvero che la colpa fosse della Russia. Certo che no, è stata la risposta, ma sai come sono i politici…

Niente di tutto è diretto a scagionare Mosca per tutte le cose distruttive e antagonistiche che fa, dagli avvelenamenti in Gran Bretagna al trolling nell’infosfera. In effetti, in larga misura, sta semplicemente raccogliendo i frutti di anni di tali attività, in modo tale che troppi, troppo facilmente, credono che tutto ciò che va storto sia in qualche modo dovuto alla mano invisibile e ostile della Russia. Tuttavia, ci sono molti – analisti, esperti, politici – che sanno meglio o dovrebbero sapere meglio. Per molti versi, la crisi del gas è una metafora appropriata per le sfide del mondo moderno: complessa, globale, difficile da risolvere e probabilmente con impatti lunghi e imprevedibili. Le politiche di particolari Paesi possono esacerbarla un po’ qui, alleviarla un pò là. Certamente se la Germania approvasse il Nord Stream 2 e altri Paesi acquistassero gas dalla Russia, specialmente sui contratti a lungo termine che brama, ciò aiuterebbe. Tuttavia, non farebbe scomparire magicamente i problemi sottostanti.

La risposta a problemi di grande complessità non è fingere che siano semplici, non è cercare un “solito sospetto” da incolpare. È cercare soluzioni di complessità adeguata. Al momento l’Occidente non ne sembra capace.

di Mark Galeotti

Pubblicato da Intellinews

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.