Press "Enter" to skip to content

GAS, IL PREZZO CORRE. ECCO PERCHE’

di Andrey Fiodorov      Il prezzo del gas cresce a vista d’occhio. Il prezzo di mercoledì 15 settembre, per la prima volta nella storia, ha sfondato la soglia degli 880 dollari alla borsa ICE di Londra. Alla fine della scorsa settimana, il superamento della soglia dei 700 dollari sembrava qualcosa di straordinario, ma ora anche i 1000 dollari non sembrano più essere il limite. Se si guarda alla dinamica delle variazioni dei prezzi, rispetto a luglio 2021, la sua crescita è stata del 70% e rispetto a settembre 2020 addirittura del 370%. In precedenza, in seguito alla liberalizzazione del mercato europeo del gas, i contratti a lungo termine per il transito del gas sono stati sostituiti dalla prenotazione all’asta delle forniture, il che ha garantito ai fornitori di gas la flessibilità necessaria per eseguire il pompaggio in base a condizioni di mercato a breve termine. In particolare, Gazprom ha costantemente rifiutato di prenotare capacità di transito aggiuntive per le forniture attraverso l’Ucraina e dalla fine di agosto ha smesso di pompare gas negli impianti di stoccaggio sotterranei tedeschi Rehden e Katharina. Nello stesso tempo, l’aumento della domanda di gas naturale liquefatto in Asia, in particolare in Cina, ha portato a una diminuzione del 12% della fornitura di gas liquefatto agli impianti di stoccaggio dei terminali di ricezione in Europa a luglio rispetto a giugno e del 22% sull’intero anno. Di conseguenza, c’è stata una carenza di forniture di gas, che ha portato al 67% di occupazione degli impianti di stoccaggio del gas sotterranei in Europa, che è la più bassa negli ultimi cinque anni, quando il valore medio annuo era dell’80%.

La carenza di gas, l’aumento della domanda cinese e la mancanza di certezza sul funzionamento di Nord Stream 2 stanno facendo salire i prezzi nel mercato spot. In primo luogo, l’incertezza va intesa come la tempistica della messa in servizio del secondo ramo del Nord Stream 2. Nonostante le richieste di forniture tramite Nord Stream 2 dall’inizio di ottobre, i documenti di certificazione e conformità per la direttiva sul gas dell’UE sono stati ricevuti solo di recente dal regolatore e possono essere presi in considerazione entro quattro mesi. C’è un altro fattore insolito dietro questo aumento esplosivo dei prezzi: l’indebolimento del vento nel mare del Nord, di solito tempestoso. L’elevata domanda di energia verde in Europa negli ultimi anni ha spinto molti Paesi a costruire molti impianti a energia eolica. Alla fine del 2019, oltre il 26% dell’elettricità tedesca era prodotta da turbine eoliche, di cui il 12% offshore. Ora, in assenza di vento, è diventato necessario rivolgersi di nuovo verso il gas naturale.

È troppo presto per parlare di stabilità del trend di crescita del prezzo. Ma a breve termine, non ci sono ragioni serie per ipotizzare un cambiamento. Il livello delle scorte nei depositi sotterranei è un indicatore assoluto a cui reagiscono i prezzi nel mercato spot. E c’è già un ritorno del gas liquefatto sul mercato europeo, come possibile alternativa al gas fornito attraverso i gasdotti. A settembre la fornitura di gas liquefatto è aumentata del 16% rispetto al mese precedente.

di Andrey Fiodorov

Pubblicato da Forbes.ru

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.