Press "Enter" to skip to content

AMICA CINA. MA FINO A CHE PUNTO?

di Darya Nuriyeva     La Cina è uno dei pochi Paesi che non ha imposto sanzioni alla Russia e ha promesso di continuare la cooperazione economica. I Presidenti dei due Stati parlano regolarmente di amicizia “senza confini”, ma gli economisti avvertono che sotto sanzioni la dipendenza della Russia dalla Cina potrebbe aumentare. Inoltre, non si sa quanto durerà questa amicizia se smetterà di essere vantaggiosa per la Cina. Ecco in quali aree della Russia sarà ora difficile fare a meno dell’aiuto della Cina e cosa questo può portare.

Da quasi dieci anni la Russia cerca di costruire relazioni di fiducia con la Cina, soprattutto dopo la nomina di Xi Jinping a capo del Partito comunista cinese nel 2013. Ai colloqui tra i leader dei due Paesi nel 2019, il Presidente cinese ha affermato che Vladimir Putin è il suo più caro amico e la Russia è il Paese che lui ha visitato più volte. All’inizio di febbraio 2022 Putin ha tenuto ulteriori colloqui con Xi Jinping, e i due leader hanno ribadito che l’amicizia dei loro Paesi “non ha confini” e “non ci sono zone proibite” nella reciproca cooperazione. Dopo che Vladimir Putin ha annunciato l’inizio della “operazione speciale” in Ucraina il 24 febbraio, la Cina ha dichiarato di rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti gli Stati. Allo stesso tempo, però, non ha aderito alle sanzioni occidentali e Xi Jinping ha di recente affermato che le sanzioni contro la Russia danneggiano tutti.

Il sinologo Leonid Kovacic ritiene che il sostegno politico del Cremlino sia molto importante per la Cina. “La Russia non ha voltato le spalle alla Cina quando il mondo intero l’ha accusata di essere all’origine dell’emergenza del Coronavirus”, afferma. “La Cina, però, dovrà mantenere un certo equilibrio per non rovinare le relazioni non solo con l’Ucraina ma con l’intera Unione Europea”. Ora la Cina non rifiuta il commercio con la Russia, ma quale potrebbe essere il pericolo di legami così esclusivi di fronte alle sanzioni?

Nonostante la stretta collaborazione, non si può dire che le relazioni economiche tra Russia e Cina si svolgano su un piano di parità. La Cina è stato il principale partner commerciale della Russia negli ultimi 12 anni, secondo il Global Times. Allo stesso tempo, nel 2021, la Cina rappresentava circa il 18% del fatturato commerciale totale della Russia, mentre la quota della Russia nel fatturato commerciale cinese era solo del 2%. Secondo l’Amministrazione generale delle dogane della Cina, il fatturato commerciale tra Russia e Cina nei primi due mesi del 2022 è aumentato del 38,5%, a 26,431 miliardi di dollari; le esportazioni verso la Russia sono cresciute del 41,5% in due mesi, a 12,62 miliardi di dollari; e le importazioni di beni e servizi russi – del 35,8%, a $ 13,81 miliardi. Nel 2021, il commercio tra i due Paesi è aumentato del 35,9% rispetto all’anno prima e ammontava a $ 146 miliardi. Dal 2010, il volume degli scambi tra i due Paesi è cresciuto del 167%, con la crescita più significativa osservata negli ultimi anni. Il mese scorso, durante la visita di Vladimir Putin alle Olimpiadi di Pechino, i due Paesi hanno detto di voler portare il volume degli scambi bilaterali a 250 miliardi di dollari entro i prossimi due anni.

La Cina ora assicura che intende mantenere “normali relazioni commerciali con la Russia”, ma non si è mai trovata, prima, a dover scegliere tra la Russia e l’UE o gli Stati Uniti come partner commerciale. Oleg Buklemishev, direttore del Center for Economic Policy Research presso la Facoltà di Economia dell’Università statale di Mosca, ritiene che “con la chiusura per la Russia dello sbocco occidentale a causa delle sanzioni, i cinesi possono conquistare il mercato russo, perché un vuoto è impossibile. Un aumento della loro quota è inevitabile, così come la loro espansione in nuove aree. Tuttavia, va inteso che le fabbriche cinesi per la maggior parte lavorano con lo sguardo verso Occidente, che per loro è una priorità. Per noi russi i cinesi non rinunceranno ai mercati occidentali”. Temur Umarov, esperto di Cina e Asia centrale presso il Carnegie Moscow Center, ritiene inoltre che “le organizzazioni cinesi, fortemente legate all’economia globale, non sono pronte a scambiare questo per il dubbio privilegio di violare le sanzioni e cooperare con le aziende russe. Non sarebbe vantaggioso per loro”.

Sergei Tsyplakov, capo del settore Cina presso il VEB.RF Institute for Research and Expertise, ritiene che a breve termine il commercio tra Russia e Cina subirà una grave scossa: “Ciò è dovuto principalmente al crollo di il tasso di cambio del rublo, il che significa un calo della solvibilità del mercato russo. Inoltre, non è del tutto chiaro come verranno svolte le operazioni bancarie e ci vorrà del tempo per adattarsi al nuovo clima”. Allo stesso tempo, Tsyplakov è convinto che a lungo termine, se le sanzioni di USA e UE continueranno, la quota della Cina nel commercio estero della Russia aumenterà in modo significativo.

La Russia ha ciò di cui la Cina ha bisogno: risorse energetiche. Una parte significativa delle importazioni dalla Russia alla Cina è fatta di materie prime ed energia. Secondo l’Amministrazione generale delle dogane cinese, la Russia è il secondo più grande fornitore di petrolio della Cina, dietro solo all’Arabia Saudita. In termini di importazioni di gas naturale verso la Cina, la Russia è di nuovo seconda dietro il Turkmenistan. Nel 2019 sono iniziate le consegne di gas naturale alla Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia, che dovrebbe aumentare a 38 miliardi di metri cubi all’anno entro il 2025 rispetto ai 10,5 miliardi di metri cubi del 2021. La Russia prevede anche di costruire un secondo gasdotto, Power of Siberia-2, con una capacità di 50 miliardi di metri cubi l’anno, che attraverserà la Mongolia fino alla Cina.

Secondo Bloomberg, la Cina sta valutando la possibilità di acquistare o aumentare le proprie partecipazioni in società russe di energia e risorse naturali come Gazprom e Rusal. Allo stesso tempo, altre fonti affermano che questi accordi mirano a rafforzare il potenziale della Cina più che a sostenere la Russia. Sempre secondo Bloomberg, i negoziati tra le società energetiche cinesi e russe sono ancora in una fase iniziale e potrebbero anche non portare a nulla. Secondo Umarov, la dipendenza della Russia dalla Cina aumenterà e ciò riguarderà principalmente l’esportazione di risorse energetiche. «Tuttavia, qui, non sarà tutto così semplice dal punto di vista logistico”, dice Umarov: “Impossibile reindirizzare immediatamente in Asia le materie prime che esportiamo in Europa. Ora la Russia ha una posizione negoziale piuttosto debole, quindi non si sa quali condizioni offrirà Pechino a Mosca. Resta il fatto che la Russia non ha alternative”.

Leonid Kovacic ritiene che la Russia sia in una posizione più dipendente dalla Cina di quanto lo sia la Cina dalla Russia: “Nonostante la Russia sia il più importante fornitore di risorse energetiche, in generale non è un monopolista del mercato. La Russia, invece dipende dalla Cina perché importa prodotti ad alto valore aggiunto: ingegneria, elettronica, beni di consumo. Ci sono poche alternative, soprattutto nelle condizioni attuali”. Umarov osserva inoltre che la Cina potrebbe presto diventare la principale fonte di tecnologia: “La Cina ha già sostituito la Germania negli ultimi cinque anni, diventando il principale fornitore di tecnologia per l’industria russa”. Nel 2016, infatti, la Cina ha superato per la prima volta la Germania in termini di importazioni di attrezzature industriali e altri prodotti tecnologici nel mercato russo. Questa tendenza è proseguita nel 2019, quando la Russia ha importato 30,8 miliardi di dollari di apparecchiature e prodotti tecnologici dalla Cina (il 28% di tutte le importazioni tecnologiche di quell’anno), mentre le importazioni dalla Germania sono diminuite a 12,9 miliardi di dollari, pari al 12%.

Il 24 febbraio gli Stati Uniti hanno annunciato nuove sanzioni contro la Russia, che, tra l’altro, mirano a limitare le esportazioni di tecnologia. Le sanzioni si applicano all’esportazione in Russia di semiconduttori, computer, apparecchiature per telecomunicazioni, laser, sensori e componenti di aeromobili. Le aziende russe dovranno cercare un sostituto e la Cina potrebbe fornirlo parzialmente. Tuttavia, le restrizioni statunitensi si applicano non solo alla tecnologia importata dai Paesi occidentali ma anche ai beni fabbricati in qualsiasi Paese, se utilizzano brevetti americani. Ciò vale in particolare per i produttori di chip come la taiwanese TSMC e SMIC, produttore di chip con sede a Shanghai. TSMC taiwanese ha già rifiutato di fornire semiconduttori alle società russe. Se SMIC e altre società della Cina continentale continueranno a esportare i loro prodotti in Russia, potrebbero essere tagliate fuori dalla tecnologia statunitense. Una situazione simile a quella già sofferta da Huawei. E in ogni caso, SMIC è già parzialmente soggetto alle sanzioni statunitensi.

In generale, negli ultimi anni la Cina ha alzato notevolmente il livello del suo sviluppo tecnologico, soprattutto nel campo delle telecomunicazioni e delle tecnologie spaziali. Andrey Prokhorovich, Direttore Generale di Eurasia Development Ltd, afferma: “In molte tecnologie, la Cina potrebbe sostituire i Paesi occidentali. La Cina ha già superato gli Stati Uniti nelle tecnologie delle telecomunicazioni e non è inferiore nell’Intelligenza Artificiale, nella robotica, nella logistica e in altri campi. Alla fine del 2020, in Cina erano state installate 720 mila torri 5G, contro le poche dozzine di Stati Uniti o Russia”.

Dalla metà degli anni 2010, per la Cina, uno dei compiti più importanti della strategia di sviluppo del Paese è stato quello di ridurre la dipendenza dalle tecnologie occidentali. Tuttavia, la Repubblica popolare cinese non ha ancora completato il suo programma di sostituzione delle tecnologie straniere ed è molto dipendente dalla proprietà intellettuale occidentale, dalle forniture di componenti e dalle innovazioni delle società europee e americane. Se gli Stati Uniti e i loro alleati spingeranno per sanzioni più severe, Pechino potrebbe avere difficoltà a trovare un equilibrio. Andrei Prokhorovich dice: “Siamo in una situazione in cui aumenterà la dipendenza commerciale della Russia dalla Cina, soprattutto in termini di forniture di materie prime, tecnologie, componenti per automobili e semiconduttori”.  “I cinesi ora agiranno con molta attenzione, perché non vogliono sacrificare i rapporti con i colleghi occidentali”, afferma Tsyplakov. “Ora la situazione è caratterizzata da un alto grado di incertezza”.

Il sistema finanziario russo ha scommesso sullo yuan anche prima dell’imposizione delle sanzioni. La Banca Centrale e il National Welfare Fund detengono attualmente circa 140 miliardi di dollari in obbligazioni cinesi, che potrebbero diventare le principali attività estere della Russia di fronte alle sanzioni globali, riferisce Bloomberg citando un rapporto degli analisti dell’Australian and New Zealand Banking Group (ANZ). Insieme, questo rappresenta quasi un quarto della quota di proprietà straniera nel mercato obbligazionario interno cinese. Nel giugno 2021, la valuta cinese rappresentava il 13,1% delle riserve valutarie della Banca Centrale russa rispetto allo 0,1% di giugno 2017, mentre le riserve in dollari di Mosca sono scese al 16,4% dal 46,3% nello stesso periodo.

In generale, sia la Cina sia la Russia stanno cercando di ridurre il livello di dipendenza dei propri sistemi finanziari dall’Occidente. Nel 2010 hanno iniziato a utilizzare le proprie valute per il commercio bilaterale. Nella prima metà del 2021, i pagamenti in yuan rappresentavano il 28% delle esportazioni cinesi verso la Russia, rispetto al 2% del 2013. Nel 2014 Mosca e Pechino hanno firmato un accordo di cambio valuta da 150 miliardi di yuan, che hanno esteso nel 2020 a 150 miliardi di yuan in tre anni. Ma in pratica lo swap è stato utilizzato solo in alcune operazioni di prova guidate dalle Banche Centrali dei due paesi. Ci sono restrizioni sull’uso delle valute di Russia e Cina negli scambi bilaterali: il rublo è molto volatile per motivi geopolitici e lo yuan non è ancora una valuta completamente convertibile. La Russia potrebbe, in teoria, utilizzare le partecipazioni in yuan e i propri sistemi di pagamento transfrontalieri per contrastare l’impatto delle sanzioni occidentali. Tuttavia, nella sfera della finanza, la Russia non è un mercato prioritario per la Cina. La Asian Infrastructure Investment Bank, il cui principale azionista è la Cina, ha già interrotto la cooperazione con la Russia.

“Dato lo stato attuale dell’economia russa e il numero di sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia, Mosca non ha altra scelta che cooperare con la Cina“, dice Umarov. Dopo l’annuncio delle restrizioni da parte degli Stati occidentali, la Russia si è trovata in una posizione in cui è difficile prevedere come si svilupperanno le relazioni con alcuni Paesi. Sotto le sanzioni, l’amicizia e la cooperazione con la Cina hanno un valore particolare per la Russia. Oleg Buklemishev afferma: “Ora non siamo nemmeno vittime delle restrizioni ufficiali, ma delle sanzioni delle persone che lavorano nel mercato, dell’opinione pubblica. Questo è un segnale morale abbastanza forte perché gli investitori ritirino i loro soldi e le aziende lascino il mercato russo, anche se il Governo cinese inizialmente non lo voleva. La Russia è in una situazione disperata. È del tutto possibile che la Cina detti termini alle società russe e aumenti in modo critico la sua influenza sul Paese. Uno Stato che, come la Russia, si trova in una situazione del genere non ha carte politiche vincenti”.

di Darya Nuriyeva

Pubblicato in Forbes.ru

Tutte le notizie e l’attualità sul nostro canale Telegram

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.