Press "Enter" to skip to content

IN ASIA CENTRALE NOSTALGIA DI MOSCA

di Lindsey Kennedy e Nathan Paul Southern       Sul treno notturno da Tashkent a Nukus in Uzbekistan (Asia Centrale), un ufficiale dell’esercito uzbeko ubriaco vuole sapere da dove veniamo. “Inghilterra” viene accolta con un’alzata di spalle vacua. Sentendo “Scotland”, però, il suo viso si illumina. “Scozia!” esclama, mimando la cornamusa. “Cuore impavido!” In un mix di russo fluido, inglese stentato e mimo, esprime un sentimento che rileviamo ancora e ancora, in tutto il Paese: la Scozia è per il Regno Unito come l’Uzbekistan è per la Russia, solo che nel caso dell’Uzbekistan l’indipendenza è stata conquistata. Quindi, senza apparente senso di ironia, l’ufficiale tira fuori il suo telefono e ci mostra il suo passato del presidente russo Vladimir Putin. Fa un pollice in su. “Putin, io amo”.

Questo è tanto più curioso dato che stiamo andando in Karakalpakstan, una delle regioni più desolate dell’Uzbekistan. Qui, i gusci incagliati di pescherecci arrugginiti e un’infarinatura di conchiglie sono una testimonianza duratura della cattiva gestione sovietica che ha reindirizzato l’approvvigionamento idrico dell’area all’industria del cotone. Il museo d’arte della città di Nukus, bandito dal comunismo, abbonda di dipinti di pescatori sul lago d’Aral, un tempo vasto ma ora ridotto a nulla. Nonostante tali retaggi del dominio russo, molti uzbeki – anzi, molti centroasiatici – condividono l’entusiasmo dell’ufficiale per il Paese che un tempo li aveva colonizzati. Ma poi, in questa fase, dove altro potrebbero trovare degli amici?

Dopo due decenni e un trilione di dollari spesi in guerra, gli Stati Uniti sono finalmente usciti dall’Afghanistan. I Paesi vicini all’Afghanistan hanno osservato con attenzione la chiusura di un’era di coinvolgimento degli Stati Uniti in Asia Centrale, che prometteva molto ma non si è mai realizzato del tutto. Degli Stati Uniti non si sentirà poi tanto la mancanza. La fine del comunismo avrebbe dovuto inaugurare una nuova era di libertà, democrazia e prosperità, ma tutto si è risolto in un clamoroso fallimento nel cortile di casa della Russia. Gli asiatici centrali possono anche non essere arrabbiati con gli Stati Uniti, ma sono certamente delusi.

Negli ultimi due decenni, la guerra della porta accanto ha incentivato alcuni aiuti e investimenti statunitensi, principalmente sotto forma di addestramento di truppe e locazione di basi militari in Kazakhstan e Kirghizistan. Con le truppe ririrate, sembra sempre più improbabile che gli Stati Uniti vogliano investire molto nella regione, a meno che la Cina non sia coinvolta. Un crescente consenso di Washington sul fatto che Pechino sia il principale avversario del prossimo decennio o più ha anche attirato l’attenzione sui pesanti investimenti della Cina in Asia centrale.

Ma per gli Stati dell’Asia Centrale – Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan – il vecchio occupante, la Russia e, sempre più, la Cina sono spesso prospettive più allettanti. Per le élite di questi Paesi, Mosca e Pechino sono opzioni intrinsecamente più attraenti di Washington. A differenza delle democrazie liberali occidentali, la Cina raramente esprime interesse per i diritti umani o un governo equo e certamente non pretende mai di vedere le prove di ciò come una precondizione degli investimenti. Per Pechino, la cosa importante non è la modalità di governo ma la coerenza: finché un Paese partner è politicamente stabile abbastanza da consentire di continuare a costruire e scavare, ed è disposto a sostenere Pechino sulla scena internazionale, la Cina è felice. Come ha affermato Mathieu Boulègue di Chatham House, qualsiasi discussione sui diritti umani o sulla democrazia è una linea rossa che Russia e Cina non hanno interesse a superare, mentre l’insistenza delle democrazie liberali nel farlo significa che le loro partnership possono essere solo “di secondo livello, non un rapporto più profondo e completo”.

L’interesse iniziale degli Stati Uniti per l’Asia Centrale, tuttavia, aveva molto meno a che fare con i diritti umani che con le risorse naturali. Negli anni successivi all’indipendenza dall’Unione Sovietica, gli stati dell’Asia Centrale attendevano con impazienza un nuovo, redditizio Grande Gioco nella regione. Secondo le stime dell’Energy Information Administration degli Stati Uniti, a partire dal 2003 il bacino del Caspio conteneva tra 17 miliardi e 33 miliardi di barili di riserve accertate di petrolio e circa 232 trilioni di piedi cubi di gas naturale, attirando molto interesse dall’estero. Questo entusiasmo è gradualmente svanito, tuttavia, poiché i potenziali investitori si sono resi conto che raggiungere queste fonti di energia sarebbe stato molto più difficile del previsto.

“Le proiezioni a metà degli anni Novanta hanno superato ciò che era effettivamente disponibile”, ha affermato Jeffrey Mankoff, vicedirettore del programma Russia ed Eurasia presso il Center for Strategic and International Studies. Le acque poco profonde del Mar Caspio hanno reso gli scavi estremamente complessi, esacerbati dalle barriere geopolitiche in Russia e Iran, che hanno bloccato la costruzione di oleodotti necessari per spostare le riserve fuori dagli Stati senza sbocco sul mare e nel mercato globale. La maggior parte delle riserve disponibili è rimasta nelle mani degli oligarchi locali, che sono stati in grado di sfruttare le infrastrutture già esistenti. Come ha scritto Edward Schatz, professore associato di Scienze Politiche all’Università di Toronto e autore di un recente libro sul sentimento antiamericano in Asia Centrale: “Tante parole sulla riforma economica e nessun fatto da mostrare”.

Dopo l’11 settembre 2001 la situazione è cambiata. Inizialmente, ci fu uno slancio di solidarietà con gli Stati Uniti in tutta l’Asia Centrale, compreso il sostegno all’invasione dell’Afghanistan: dopotutto, molti di questi Paesi avevano i loro problemi con la militanza islamista ed erano felici che gli Stati Uniti intervenissero dalle loro parti. Ma secondo Schatz, la dichiarazione di guerra all’Iraq ha suscitato sconcerto. Quando la retorica anti-Iran ha iniziato a scaldarsi, molte persone hanno cominciato fortemente a sospettare che gli Stati Uniti fossero guidati da sentimenti anti-islamici o persino da un ateismo radicale di stile sovietico, specialmente in Tagikistan, che riceve gran parte dei suoi media dall’Iran e condivide legami linguistici e culturali più stretti.

E mentre gli oligarchi ne beneficiavano, gli anni post-sovietici si sono rivelati profondamente deludenti per i cittadini in tutta l’Asia Centrale. Nei 25 anni successivi alla caduta dell’Unione Sovietica, il reddito familiare è diminuito del 27% in Uzbekistan e più che dimezzato in Tagikistan, Turkmenistan e Kirghizistan. Le economie del Kazakhstan e del Turkmenistan, Paesi ricchi di petrolio, sono cresciute a dismisura ma ci sono poche prove che questa ricchezza si riversi sulla popolazione. Lì l’aspettativa di vita, come nel resto dell’Asia Centrale, è calata dagli anni Novanta, con l’evaporazione dell’assistenza sanitaria finanziata dallo Stato e di altre reti di sicurezza sociale. Anche l’accesso all’istruzione, ai trasporti e alle infrastrutture di base è stato ridotto.

Bruce Pannier, corrispondente per l’Asia Centrale di Radio Free Europe/Radio Liberty da quasi trent’anni, conferma questo punto di vista. Sotto il dominio sovietico, dice, “non c’era molto di tutto” ma c’era abbastanza per sopravvivere, e nelle zone rurali in particolare le risorse erano gestite molto meglio. Pannier descrive come il sistema sovietico richiedesse che i capi dell’amministrazione locale si assicurassero che i campi degli agricoltori fossero arati, che i loro trattori avessero benzina e che le consegne di macchinari alle loro fattorie arrivassero in tempo per il raccolto. Quando questo governo centralizzato è crollato, i singoli agricoltori sono stati lasciati a sistemare la logistica da soli, ostacolati dalla corruzione locale che li ha spinti a indebitarsi solo per coprire le tangenti necessarie per rimanere a galla.

Non è nemmeno che tali difficoltà possano essere attribuite al prezzo della libertà. Elezioni libere ed eque sono scarse, e mentre l’Uzbekistan ha recentemente compiuto passi verso il rafforzamento del processo democratico, qualsiasi progresso è lento, modesto e facilmente annullabile. “Nei primi anni Novanta era come se la democrazia e i mercati fossero l’unico gioco in città”, ha scritto Schatz. “C’è stato il rapido discredito dell’ideologia comunista, quindi il suo opposto ha iniziato a sembrare evidentemente vero, e gli Stati Uniti e l’Europa occidentale non hanno fatto molto per ridimensionare le aspettative esagerate della gente”.

Per come la vede Schatz, le democrazie liberali come gli Stati Uniti hanno fatto un ottimo lavoro nel convincere gli Stati separatisti che il comunismo era una deviazione che aveva interrotto il loro percorso verso lo sviluppo. Tutto ciò che i Paesi dell’Asia Centrale dovevano fare era orientarsi verso il capitalismo e la democrazia, e il denaro sarebbe arrivato e la vita delle persone sarebbe migliorata rapidamente. Quando ciò non è accaduto, molti centroasiatici si sono coperti nostalgici dei tempi sovietici o, per lo meno, più suscettibili alle aperture della Russia di Putin rispetto a Stati Uniti inaffidabili e non impegnati.

Con i presunti benefici della libertà che non si vedono da nessuna parte, non c’è da meravigliarsi che molti centroasiatici siano diventati nostalgici della forza e della stabilità che la Russia afferma di fornire. Contribuisce il fatto che la cultura russa svolga ancora un ruolo potente. I russi etnici costituiscono un quinto della popolazione del Kazakhstan e, nonostante il loro numero in diminuzione altrove (dato che questi gruppi migrano costantemente verso la madre patria), la lingua russa è ampiamente parlata in tutta la regione. I media russi, in particolare la TV, sono le principali fonti di notizie per molte persone. In Uzbekistan, i media russi aiutano a stabilire interpretazioni pro-Putin degli eventi all’estero come fatti incontrovertibili e offuscano i confini tra lealtà russe e uzbeke, anche tra i nazionalisti più feroci. Durante la cena a Ferghana, un insegnante (che ha chiesto di non essere nominato) ha sostenuto con forza il diritto di Mosca di “proteggere” la sua gente in Crimea e di assorbire l’Ossezia del Sud e la Cecenia, una rarità in un Paese in cui la maggior parte delle persone ammutolisce al primo accenno di discussione politica.

1.continua

di Lindsey Kennedy e Nathan Paul Southern

Pubblicato da Foreign Policy

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.