Press "Enter" to skip to content

TAGIKISTAN E TALEBANI, NEMICI PER FINTA

di Temur Umarov     Nelle ultime settimane, il Tagikistan è salito alla ribalta della cronaca per la sua posizione dura sull’Afghanistan, dove i talebani sono recentemente tornati al potere. Potrebbe sembrare che, se qualcuno dovesse preoccuparsi di mantenere buoni rapporti con i talebani, questo sarebbe il Tagikistan. Ha un lungo confine montuoso con l’Afghanistan che è difficile da controllare e si ritiene che l’esercito tagiko sia il più debole dell’Asia centrale. Il Tagikistan è una transito per la maggior parte del traffico di droga dall’Afghanistan alla Russia e all’Europa e il Paese ha subito numerosi attacchi terroristici negli ultimi anni. Tuttavia, a differenza dei suoi vicini dell’Asia centrale, oltre a Russia e Cina, il Tagikistan non ha fretta di stabilire legami con il nuovo governo di Kabul. Al contrario, ha assunto il ruolo di principale avversario dei talebani, presumibilmente sostenendo i resti delle forze di opposizione afghane (sebbene Dushanbe lo neghi).

Il presidente Emomali Rahmon è tornato sulle disgrazie dell’Afghanistan sotto i talebani praticamente in ogni recente discorso pubblico, anche in quelli non legati alla politica estera. In incontri e forum internazionali, Rahmon ha ripetutamente affermato che il Tagikistan non riconoscerà nessun Governo formato in Afghanistan attraverso l’oppressione e la persecuzione, senza rispetto per l’intero popolo afghano, in particolare per le sue minoranze etniche. Secondo Rahmon, gli afghani di etnia tagika formano il 46% della popolazione afgana, anche se le stime della maggior parte dei ricercatori si aggirano intorno al 20%.

In estate, il Tagikistan era l’unico Paese della regione che prometteva di accogliere fino a 100 mila rifugiati afgani. Rahmon ha anche assegnato postumo il prestigioso Ordine di Ismoili Somoni ai leader di etnia tagika anti-talebani: il leggendario comandante mujaheddin Ahmad Shah Massoud e l’ex presidente afghano Burhanuddin Rabbani.

Secondo voci insistenti, il Tagikistan sta aiutando anche le restanti forze anti-talebane: il Fronte di resistenza nazionale dell’Afghanistan nella provincia del Panjshir, dove oltre il 98% della popolazione è di etnia tagika. È l’unico territorio che i talebani non hanno ancora conquistato completamente. Secondo alcuni rapporti, i leader della resistenza Ahmad Massoud junior e l’ex vicepresidente dell’Afghanistan e autoproclamato presidente ad interim Amrullah Saleh sono attualmente in Tagikistan. Dushanbe nega di sostenere il Fronte di resistenza nazionale e afferma che Ahmad Massoud junior è semplicemente venuto in Tagikistan per partecipare a negoziati con i talebani che alla fine non hanno mai avuto luogo.

I talebani hanno risposto dicendo che non tollereranno “interferenze negli affari interni dell’Afghanistan” e hanno inviato combattenti al confine tagiko. Il Tagikistan sta anche dimostrando attivamente la sua preparazione militare. Per la prima volta da quando ha dichiarato l’indipendenza nel 1991, il Tagikistan ha messo in allerta migliaia di soldati e ha richiamato i riservisti per testare la loro prontezza al combattimento. Ventimila soldati sono stati inviati al confine afghano. Rahmon ha visitato personalmente le regioni di confine del Paese per la prima volta in diversi anni, ha parlato alle truppe e ha presenziato a una parata militare.

Tuttavia, è troppo presto per dire che il Tagikistan e l’Afghanistan sono sull’orlo della guerra. Nonostante la dura retorica di Rahmon, lui e altri alti funzionari tagiki agiscono con estrema cautela ed evitano riferimenti diretti ai talebani, limitando le loro critiche al fatto che il nuovo governo afghano non è sufficientemente comprensivo delle minoranze etniche del Paese. Molte delle dichiarazioni di Dushanbe rimangono lettera morta. La promessa di luglio di accogliere 100 mila rifugiati, ad esempio, difficilmente verrà mantenuta. Il ministro degli interni del Tagikistan, Ramazon Rahimzoda, ha dichiarato a settembre che il Tagikistan non è stato in grado di accogliere un gran numero di rifugiati o richiedenti asilo perché “in vent’anni, nessuna organizzazione internazionale ha fornito assistenza pratica nella creazione di infrastrutture per l’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo .”

In realtà Dushanbe sta rimandando migliaia di profughi in Afghanistan e non pubblica statistiche accurate. A metà ottobre, il capo del Comitato di Stato per la sicurezza nazionale, Saimumin Yatimov, ha riferito che fino a 600 afgani cercano di attraversare il confine ogni giorno e che il Tagikistan ospita attualmente 15 mila rifugiati afgani. Ciò si traduce in una crescita piuttosto modesta, dal momento che quella cifra era già di 10 mila all’inizio di settembre, subito dopo l’ascesa al potere dei talebani. Il Tagikistan si è anche astenuto dall’interrompere le relazioni commerciali con il nuovo governo afghano, anche se l’Afghanistan rappresenta solo l’1,5% del volume totale degli scambi del Paese. L’elettricità, il principale prodotto di esportazione del Tagikistan in Afghanistan, viene ancora fornita anche se i talebani al momento non possono pagarla e hanno già accumulato oltre 11 milioni di dollari di debiti.

Alcuni tra i talebani sono disposti a migliorare le relazioni con il Tagikistan, ma Rahmon difficilmente potrà permettersi di stringere accordi del genere. Il suo regime vacilla per le difficoltà economiche e la stanchezza generale per il suo governo quasi trentennale, quindi giocare la carta del nazionalista etnico e del difensore pan-tagiko gli assicura il sostegno del popolo tagiko. Da quando i talebani hanno preso Kabul, i tagiki sono stati inondati di immagini scioccanti dall’Afghanistan, di appelli alla comunità internazionale affinché presti attenzione alla difficile situazione del popolo tagiko in Afghanistan, di messaggi a sostegno delle forze di resistenza e di petizioni online. Non è meno popolare criticare gli altri vicini del Tagikistan, come l’Uzbekistan – il cui ministro degli esteri, Abdulaziz Kamilov, è stato il primo alto funzionario della regione a negoziare con i talebani a Kabul – per la loro disponibilità a cooperare con i talebani. Anche l’Uzbekistan parla di inclusività ed è preoccupato per i diritti degli uzbeki in Afghanistan ma, a differenza di Dushanbe, Tashkent non tratta gli uzbeki del Paese come “il proprio popolo” o rappresentanti della diaspora uzbeka, ma li vede principalmente come cittadini afgani .

Dushanbe comprende che non esiste un’entità tagika sovranazionale, ma durante la sua carriera politica Rahmon si è affermato come “il guardiano e il patrono di tutti i tagiki del mondo” e il Governo tagiko incoraggia attivamente il nazionalismo. La crisi politica nel vicino Afghanistan, quindi, ha regalato al leader tagiko la possibilità di riscattarsi agli occhi del proprio popolo.  Oltre ad assicurarsi supporto interno, Rahmon trae benefici anche dall’essere sotto i riflettori internazionali. È stato l’unico leader dell’Asia centrale che il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato ai negoziati a Parigi il 13 ottobre, quando Rahmon e Macron hanno discusso della possibile assistenza francese al Tagikistan per stabilizzare la situazione. Durante lo stesso viaggio in Europa, Rahmon ha anche incontrato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell e altri alti funzionari.

Il Tagikistan non ha intenzione di entrare in uno scontro diretto con i talebani. Piuttosto, prendendo qualche rischio in più rispetto ai suoi vicini, la leadership tagika conta di aumentare la propria popolarità sia in patria che all’estero. Dushanbe può permettersi di correre tali rischi, certo che come ultima risorsa potrà sempre ricorrere alle truppe russe che controllano il confine tagiko-afghano. Il Tagikistan si sta anche impegnando in una stretta cooperazione militare con la Cina.

Essendo improbabile che la situazione in Afghanistan si stabilizzi nel prossimo futuro, il regime di Rahmon potrebbe sfruttarla ancora per qualche anno. Allo stesso tempo, Dushanbe è abbastanza cauta da non esagerare con la retorica, il che significa che Rahmon sarà ancora in grado di stabilire un contatto con i talebani se la tensione che si sta diffondendo lungo il confine afghano diventerà troppo pericolosa.

di Temur Umarov

Pubblicato da Moscow Times

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.