Press "Enter" to skip to content

GUERRA IN UCRAINA, GIORNO 47, I FATTI

FOCUS – I militari del battaglione Azov, asserragliati nella fabbrica Azovstal di Mariupol hanno accusato la Russia di avere utilizzato armi chimiche lanciate con un drone. Il ministro degli Esteri britannico Truss ha commentato: “Vi sono rapporti secondo i quali le forze russe potrebbero aver usato agenti chimici in un attacco alla popolazione di Mariupol. Stiamo lavorando con i partner per verificare i dettagli. Qualsiasi uso di tali armi rappresenterebbe una spietata escalation in questo conflitto e noi risponderemo a Putin e al suo regime”

POLITICA INTERNAZIONALE – È fallito il tentativo di mediazione del cancelliere austriaco Karl Nehammer, che ha visitato Mosca, primo esponente europeo in Russia dall inizio del conflitto. Dopo l’incontro con Putin il cancelliere ha detto, che il Presidente russo “è entrato in una logica miliare” e agisce solamente sulla base di questa. “Non è stata una visita amichevole” ha detto il cancelliereMolto dure, e in sintonia con l’esito del colloquio,  le dichiarazioni di Lavrov, secondo il quale l’Occidente considera Kiev una piattaforma per la distruzione della Russia. Al contrario la Russia vede la cosiddetta “operazione speciale” in Ucraina come mezzo per “porre fine alla dominazione mondiale degli Stati Uniti”.

Secondo il  ministro della Difesa turco le mine nel Mar Nero potrebbero essere state rilasciate intenzionalmente per costringere la Turchia a violare la convenzione di Montreaux consentendo l’ingresso a cacciamine di Paesi NATO non rivieraschi. Lo riferisce la Tass citando l’edizione turca della CNN.

POLITICA UCRAINA – La Russia continua il lavoro di “persuasione” degli abitanti della regione di Kherson, occupata nei primi giorni del conflitto. In vista del 9 maggio negli schermi della città di Melitopol’ vengono proiettate le immagini dei soldati della città caduti nella “grande guerra patriottica”

Il presidente ucraino Zelensky rilascia un’ intervista alla CBS. Dice che l’Ucraina si aspetta una nuova ondata di combattimenti e le battaglie più difficili sono ancora a venire. Per l’Ucraina, dice il Presidente, la possibilità di resistere dipende dalla velocità con cui gli USA ci consegneranno armi

POLITICA RUSSA – Marina Ovsyannikova, la giornalista che ha mostrato il cartello contro la guerra durante il notiziario del primo canale della Tv di Stato, e che poi ha interrotto il rapporto lavorativo con l’emittente, ha accettato il posto di corrispondente esteri del quotidiano tedesco Die Welt

Vladislav Surkov, ex influente consigliere di Putin, poi incaricato presidenziale per il Donbass dall’inizio della guerra al 2019, considerato “padre” delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk, sarebbe agli arresti domiciliari con accuse di appropriazione indebita. I fatti contestati sarebbero stati commessi in Donbass nel 2014. Lo riferisce il suo ex collaboratore Ponomarev.

ECONOMIA – Pessime previsioni della Banca Mondiale per Russia ed Ucraina. Secondo l’ istituto il PIL russo nell’anno in corso calerà dell’11,2%, quello ucraino addirittura del 45,1%.

Secondo il segretario dell’ OPEC Mohammed Barkindo la UE non sarà in grado di sostituire le importazioni di petrolio russo. Un suo embargo porterebbe ad uno dei peggiori shock energetici della storia.

MILITARE: secondo l emittente USA CNBC, stanno per arrivare i droni suicidi promessi da Washington all’Ucraina. Gli operatori sarebbero stati addestrati negli Stati Uniti sin da prima dell’inizio del conflitto.

Secondo il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, citato dall’ edizione locale della CNN, le mine nel Mar Nero potrebbero essere parte di un piano per fare pressione sulla Turchia al fine costringerla a consentire l’ ingresso nel Mar Nero dei dragamine della NATO, in violazione della Convenzione di Montreux

La Russia annuncia la conquista del porto di Mariupol’. Intanto vengono pubblicati diversi video che ritraggono ingenti forze russe dirette verso il fronte al Sud-Est

CULTURA: Suscita scalpore il video dell’attrice di Leopoli Andrianna Kurilets. Nella rappresentazione la donna promette la morte ai soldati russi e “giustizia” un “soldato russo” tagliandogli la gola con una falce

a cura di Marco Bordoni

fondatore e curatore del canale Telegram La mia Russia

Tutte le notizie e l’attualità sul nostro canale Telegram

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.