Press "Enter" to skip to content

PAKISTAN E CINA, UN’OCCASIONE PER LA RUSSIA

di Abbas Dzhuma      La stretta relazione tra Cina e Pakistan è di lunga data ed è ormai data per scontata. Diciamo Islamabad ma teniamo a mente Pechino e il suo ambizioso progetto della Nuova Via della Seta, oltre al Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC) in esso incluso, stimato in ben 62 miliardi di dollari. Tuttavia, questo non esaurisce la collaborazione tra i due Paesi, che spesso si sostengono a vicenda su questioni particolarmente delicate. Che si tratti dell’atteggiamento nei confronti dei talebani in Afghanistan o dei territori contesi. Inoltre, Pechino e Islamabad conducono regolarmente esercitazioni militari congiunte e realizzano scambi su larga scala di armi e attrezzature militari. Così, all’inizio di quest’anno, diversi droni d’attacco cinesi sviluppati dal Chengdu Aircraft Industry Group of China (CAIG) sono entrati in servizio nell’aeronautica pakistana. Secondo alcuni rapporti, questi droni da combattimento sono solo una piccola parte di un più ampio accordo tra il Pakistan e il Celeste Impero. Tuttavia, di recente, sono emerse informazioni secondo cui è improbabile che i droni forniti dai cinesi siano in grado di spaventare molto gli stessi indiani (dopotutto, è contro di loro che Islamabad si sta armando). Ed ecco perché.

Secondo i media, pochi giorni dopo la messa in servizio sono stati rilevati gravi difetti nell’UAV Wing Loong II. Allo stesso tempo, il loro fornitore non ha fretta di aiutare i pakistani con le riparazioni e la manutenzione. Secondo il giornalista indiano Nisar Ahmed, anche il Governo di Islamabad ha chiesto all’azienda cinese di inviare un gruppo di professionisti più preparati a lavorare con i droni. Il precedente, dicono, si è rivelato completamente incompetente. Il giornalista ha anche riferito di una serie di problemi tecnici che l’esercito pakistano ha dovuto affrontare. Ha aggiunto che non è la prima volta che accade.

Aleksei Leonkov, esperto militare della rivista Arsenale della Patria, ha una visione diversa della situazione. “In effetti, la Cina sta lavorando seriamente per accelerare il matrimonio. Ha adottato un programma statale per migliorare la qualità dei prodotti industriali. E per tali errori, il produttore deve affrontare sanzioni gravi, inclusa la responsabilità penale. Nel complesso militare-industriale, questo controllo è ancora più rigoroso”, dice l’esperto. Leonkov non ha escluso che i droni possano rivelare dei difetti, soprattutto quando si tratta della copia di tecnologie straniere da parte di produttori cinesi. Di recente la Repubblica popolare di Cina ha creato una propria versione del sistema di difesa aerea russo S-300, che ha una portata e un’altezza di distruzione ridotte ma in generale funziona bene.

Allo stesso tempo, Leonkov osserva che l’alleanza militare con la Cina, in un certo senso, ha sostituito l’interazione del Pakistan con gli Stati Uniti. “Quando la Cina ha iniziato a costruire un corridoio economico con Islamabad, allora, ovviamente, i pakistani hanno fatto notare ai loro colleghi cinesi che gli americani avevano smesso di aggiornare le armi che un tempo fornivano alle forze armate pakistane. Da allora, il Pakistan ha iniziato a rimanere molto indietro rispetto all’India e ad altri Paesi. E in questo senso, la Cina ha sostituito con successo gli Stati Uniti”. Questo stato di cose, secondo l’esperto militare, potrebbe in teoria costituire una minaccia per l’India. “Penso che la minaccia sia reale se Stati Uniti e Gran Bretagna riusciranno a far uscire l’India dal gruppo BRICS. Ora Washington e Londra si sono posti l’ambizioso obiettivo di fare degli indiani i loro alleati contro la Cina. Se ci riescono, è molto probabile un’escalation della tensione nella regione “, conclude Alexei Leonkov.

Boris Rozhin, esperto del Centro di giornalismo politico-militare e autore del canale Telegram Colonelcassad, ritiene che la situazione attuale apra una nuova finestra di opportunità per Mosca: “Il periodico acuirsi del conflitto regionale tra India e Pakistan sul Kashmir pongono la Russia nella sua posizione tradizionale e consueta di pacificatore a livello diplomatico. Allo stesso tempo, però, Mosca sta aggiornando il tema della cooperazione tecnico-militare con l’India, che durante tali escalation è più attiva nel mercato degli armamenti. E Mosca è uno dei principali fornitori di Nuova Delhi”. Secondo l’analista, le strette relazioni tra Cina e Pakistan non impediscono alla Russia di interagire attivamente con l’India. Sia la Cina sia la Federazione Russa hanno imparato da tempo a cooperare all’interno delle sfere di influenza stabilite e delle potenziali alleanze regionali.

di Abbas Dzhuma

Pubblicato da Riafan.ru

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.