Press "Enter" to skip to content

AVAKOV IL POTENTE SE NE VA

di Olga Rudenko e Oleg Sukhov      Il 13 luglio il ministro dell’Interno Arsen Avakov ha presentato una lettera di dimissioni. Ora deve essere approvata dal parlamento. La lettera di dimissioni è stata pubblicata sul sito del ministero dell’Interno. Avakov è rimasto al potere dal febbraio 2014. Ha servito sotto due presidenti e quattro primi ministri, comandando un esercito di 200 mila uomini delle forze dell’ordine. Spesso è stato descritto come il “secondo in comando” dell’Ucraina dopo il presidente Volodymyr Zelensky.

La lettera di Avakov non fornisce un motivo per le dimissioni: “Alla Verkhovna Rada dell’Ucraina. In conformità con l’articolo 18, parte 1, della legge “Sul Gabinetto dei ministri”, chiedo di accettare le mie dimissioni da ministro degli interni dell’Ucraina”. La legge a cui fa riferimento Avakov consente a un membro del Consiglio dei ministri di dimettersi, invece di essere licenziato dal primo ministro. Nella lettera di dimissioni, inoltre, Avakov ha aggiunto: “Onorato di aver prestato servizio!”. Poi ha pubblicato un selfie sorridente su Facebook, ringraziando la sua squadra e “ogni ufficiale e funzionario” per il loro lavoro.

Ora 226 legislatori devono approvare le dimissioni di Avakov. La Verkhovna Rada ha riunioni in programma dal 14 al 16 luglio. Si dice che Zelensky e i suoi alleati pianifichino le dimissioni di Avakov a causa della sua presunta slealtà. Si è rifiutato di votare per alcune delle decisioni del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale. Zelensky ha anche suggerito che Avakov potrebbe essere licenziato a causa della sua incapacità di risolvere con successo l’omicidio del 2016 del giornalista bielorusso Pavel Sheremet. Inizialmente Avakov è stato criticato aspramente per non essere riuscito a trovare alcun sospetto per anni. Nel 2019 alcuni sospetti sono stati arrestati, ma contro di loro non sono state presentate prove concrete e alla fine tutti sono stati rilasciati.

La sera del 13 luglio, poche ore dopo che Avakov aveva annunciato le dimissioni, Zelensky ha incontrato i parlamentari del suo partito, Servo del Popolo (244 seggi). All’incontro, Zelensky ha proposto la candidatura di Denys Monastyrsky in sostituzione di Avakov. Monastyrsky, 40 anni, è un avvocato, deputato di Servo del Popolo. È il capo della Commissione parlamentare per l’applicazione della legge. “Ho deciso di fare questo passo, il più difficile della mia vita, e accettare il posto di ministro degli Interni”, ha poi detto Monastyrsky ai giornalisti in un briefing dopo l’incontro dei legislatori con Zelensky. Secondo Monastyrsky, la Commissione competente del Parlamento approverà la lettera di dimissioni di Avakov il 14 luglio e il Parlamento la voterà il 15 luglio. Quindi, il 16 luglio, il Parlamento voterà per la sua candidatura.

“(Monastyrsky) ha abbastanza capacità diplomatiche e gestionali per svolgere questo lavoro”, ha detto David Arakhamia, legislatore e capo della componente parlamentare di Servo del Popolo, commentando la candidatura di Monastyrsky dopo l’incontro con Zelensky. “Ho la sensazione che possiamo ottenere più di 300 voti in Parlamento per la sua candidatura”. Sia Monastyrsky sia Arakhamia si sono rifiutati di commentare i risultati di Avakov come ministro degli Interni. D’altra parte lo stesso Monastyrsky ha legami con Avakov. Era un aiutante dell’attuale vice di Avakov, Anton Gerashchenko, e secondo quanto si dice faceva parte della “quota di Avakov” nella lista del partito Servo del Popolo nelle elezioni parlamentari del 2019.

Avakov dovrebbe inviare al Parlamento, il 14 luglio, un rapporto sui suoi sette anni in carica. Poco prima delle dimissioni di Avakov, la rivista ucraina Novoe Vremya ha riferito, citando le sue fonti, che un altro candidato per sostituire Avakov era Oleksiy Danylov, il segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale. Danylov è salito alla ribalta negli ultimi mesi a causa delle decisioni di alto profilo del Consiglio, che hanno imposto sanzioni a oligarchi e politici, tra i più famosi Viktor Medvedchuk e Dmytro Firtash.

L’ascesa di Avakov

Avakov, un armeno nato a Baku, in Azerbaigian, ha iniziato come uomo d’affari a Kharkiv negli anni Novanta, un periodo di disordinati e caotici conflitti. È diventato il governatore dell’oblast di Kharkiv nel 2005, alleandosi con il filo-occidentale Viktor Yushchenko, che era allora Presidente. Dopo che Viktor Yanukovich, nemico politico di Avakov, è salito al potere nel 2010, Avakov è fuggito in Italia.  Nel 2012 l’Ufficio del Procuratore Generale ha accusato Avakov di abuso di potere per aver illegalmente privatizzato 55 ettari di terra demaniale, per un valore di oltre 5,5 milioni di Hr. Avakov ha descritto il caso come una vendetta politica, ma gli attivisti anticorruzione e gli avvocati sostengono che il caso aveva solide radici, nonostante le motivazioni politiche di Yanukovich. Avakov ha avuto l’occasione di fare carriera politica con l’EuroMaidan del 2013-2014, che ha estromesso Yanukovich. Fu a quel tempo che Avakov divenne ministro degli interni.

Inizialmente ha stretto un’alleanza tattica con l’ex presidente Petro Poroshenko, eletto Presidente nel maggio 2014, come parte di una coalizione tra il partito del Fronte popolare di Avakov e il Blocco Poroshenko. Alleanza finita in fretta, mentre la rivalità tra le parti cresceva. Avakov si è anche alleato con il magnate degli affari Ihor Kolomoisky nel 2014, creando con lui battaglioni di volontari inviati a combattere nell’Ucraina orientale. Questa alleanza, invece, ha resistito. Nelle elezioni presidenziali del 2019 ha fatto di nuovo la scommessa giusta, sostenendo Zelensky e avviando indagini su presunte frodi elettorali dell’ex presidente Poroshenko. Di conseguenza, è stato nuovamente nominato ministro degli interni sotto l’amministrazione Zelensky nonostante la sua dubbia reputazione.

Nel corso degli anni, il ministro è rimasto più volte impantanato in scandali di corruzione. La riforma della polizia varata sotto la sua direzione è stata giudicata superficiale e di scarso effetto. Casi di alto profilo sono rimasti irrisolti. Le dichiarazioni annuali dei redditi hanno rivelato che Avakov ha acquisito grandi ricchezze nonostante che abbia trascorso la maggior parte della sua vita nel servizio pubblico. Nel 2017 il figlio di Avakov, Oleksandr, e l’ex vice di Avakov, Serhiy Chebotar, sono stati arrestati e accusati dalla Servizio nazionale anti-corruzione dell’Ucraina di appropriazione indebita per un valore di 14 milioni di Hr, in un caso relativo alla fornitura a prezzi esorbitanti di zaini al ministero dell’Interno.

Nelle riprese video fatte trapelare dal Servizio di sicurezza dell’Ucraina, Oleksandr Avakov e Chebotar discutono, nell’ufficio di Chebotar, il progetto per lucrare sugli zaini forniti alla Guardia nazionale. In un altro video della stessa fonte, Chebotar, il Segretario di Stato del ministero degli Interni Oleksiy Takhtai e l’amministratore delegato della società statale Spetsvervis Vasyl Petrivsky, un ex assistente di Avakov, negoziano un accordo per vendere sabbia con un’asta truccata. Nel video, Chebotar coinvolge lo stesso ministro nell’accordo, dicendo che anche lui è a conoscenza del piano ed è preoccupato che la sabbia non sia stata ancora venduta. Avakov ha sempre sostenuto che il video era falso. Tuttavia Petrivsky si è già dichiarato colpevole ed è stato condannato con la condizionale proprio per la truffa della sabbia descritta nel video.

In un altro video indagato dall’Ufficio nazionale anti-corruzione, l’ex vice del vministro, Vadym Troyan, e Chebotar discutono delle tangenti ottenute attraverso la polizia stradale e dell’estorsione di denaro agli uomini d’affari. Nel 2018 il servizio di sicurezza dell’Ucraina e i pubblici ministeri hanno affermato che tre soci di Troyan erano stati arrestati per aver estorto una tangente di 1,5 milioni di Hr.

di Olga Rudenko e Oleg Sukhov

Pubblicato da Kyiv Post

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.