Press "Enter" to skip to content

SCUOLA ONLINE, GLI “OLIGARCHI” INVESTONO IN EDUCAZIONE

di Maksim Spiridonov   EdTech (il mercato delle tecnologie educative) è entrato nel 2020 con il massimo grado di entusiasmo. I clamorosi successi commerciali dei leader del settore, i grandi investimenti e lo shopping di aziende EdTech da parte delle grandi corporation  – tutto questo aveva stimolato i manager delle startup e gli investitori. Il Barometro dell’Educazione Online mostrava che nel 2019 sono apparse sul mercato russo tante nuove scuole online quante ne erano nate nei dieci anni precedenti. Mai prima, a mia memoria, l’educazione e l’istruzione avevano avuto un così forte profumo di denaro.

Tutti si aspettavano che qualcosa di simile succedesse anche nel 2020. E in parte è in effetti successo. Ma la pandemia, come in altri campi, anche in questo settore si è fatta sentire.  Come si può trovare una logica in questo flusso di investimenti, transazioni, correzioni per forza maggiore ed emozioni? Ho delineato alcune tendenze che, in qualità di imprenditore e designer, considero le principali dell’anno che sta per finire. Tendenze che, a mio avviso, determineranno lo sviluppo nel prossimo 2021.

Quando il mercato sale, il denaro accorre. Questa regola si è dimostrata ancora una volta ferrea. I businessman, i fondi di venture capital e le società di tutto il mondo riversano sempre più quattrini nell’EdTech nella speranza di diventare i beneficiari della sua crescita. A giugno, Crunchbase ha definito l’istruzione online una delle industrie leader. Nel 2020, American Quizlet, Udemy e Course Hero, Canadian ApplyBoard, Indian Unacademy sono diventate aziende valutate miliardi di dollari. In totale, oggi, secondo l’agenzia di ricerca Holon IQ, ci sono 20 “unicorni” EdTech nel mondo. Byju’s, una startup educativa indiana, è diventata la prima EdTech “decacorna”: la sua valutazione ha raggiunto i 10 miliardi di dollari. Nel progettarono confluiti finanziamenti del fondo Tiger Global, del fondo DST Global di Yuri Milner, soldi di Mark Zuckerberg e di altri famosi investitori.

Byju’s, tuttavia, non ha mantenuto a lungo il titolo di startup educativa più valutata. A ottobre, Yuanfudao, la principale piattaforma di istruzione online cinese, ha annunciato un round da 2,2 miliardi di dollari con una valutazione di 15,5 miliardi di dollari, il che ne fa l’unicorno EdTech più costoso al mondo. A proposito, il comitato organizzatore delle Olimpiadi invernali di Pechino ha da poco scelto proprio Yuanfudao come sponsor ufficiale delle Olimpiadi del 2022. Per la prima volta, un’azienda EdTech sponsorizzerà un evento di così grande portata e di importanza globale.

HolonIQ ha riferito a novembre che gli investimenti in EdTech in tutto il mondo hanno battuto tutti i record precedenti. Nei primi tre trimestri del 2020, i venture capitalist hanno investito nel settore oltre 8,3 miliardi di dollari. I principali mercati in cui si è riversato questo denaro sono Cina, Stati Uniti e India.

Molto attivo anche il mercato russo. La portata degli investimenti, in Russia, non è altrettanto impressionante, ma molti miliardari russi hanno già rivolto la loro attenzione all’EdTech. Ad esempio, Alexey Mordashov detiene già da tre anni una quota significativa nel nostro Netology Group. Alisher Usmanov attraverso Mail.ru Group agisce come azionista di diverse grandi società EdTech contemporaneamente. A novembre, si è saputo che il Fondo Winter Capital Partners di Vladimir Potanin aveva investito in una delle principali start-up educative in Russia, Skyeng. Al round ha partecipato anche l’attuale azionista della società, il fondo Baring Vostok. Nel 2020, Forbes ha incluso Skyeng nell’elenco delle 20 aziende più valutate sulla Runet: la scuola online si è classificata al 13 ° posto con una stima di 130 milioni di dollari.

Tra gli accordi più piccoli, si può notare un round organizzato dalla società educativa russo-britannica MEL Science: ha attratto investimenti per un importo di 14 milioni di dollari da Mubadala Investment Company, Channel 4 Ventures e Russian-Chinese Venture Fund. La scuola online americano-russa Novakid ha chiuso un affare da 4,25 milioni di dollari a dicembre (tra i principali investitori, PortfoLion, LearnStart e TMT Investments). La startup russa IntellectoKids (crea app educative per bambini dai 3 ai 7 anni) ha raccolto 3 milioni di dollari da Allrise Capital, Genesis Investments e altri investitori. La piattaforma online Lectera ha ricevuto circa 2,1 milioni di dollari da un pool di investitori europei. Il gruppo di società Russian Investments ha investito 1,5 milioni di dollari nella piattaforma educativa Smart School Pro. Il tutor virtuale di inglese MyBuddy.ai ha ricevuto 1 milione di dollari dal venture capital russo Leta Capital, lo stesso importo è stato raccolto dalla piattaforma online Umnaziya presso un gruppo di investitori privati.

La quantità di denaro è un buon indicatore della fiducia degli investitori. Ma ci sono sfumature. Coloro che non capiscono l’essenza di ciò che sta accadendo riversano denaro in progetti superficiali, tipo i corsi tenuti dalla celebrity di Instagram. I professionisti sono alla ricerca di aziende che offrano concetti di prodotto rivoluzionari nel campo dell’istruzione. Sono queste soluzioni tecnologiche e metodologiche a influenzare la qualità del prodotto educativo e a creare nuovi leader EdTech. I maggiori investimenti quest’anno sono stati ricevuti dalle startup che hanno offerto i propri modi di utilizzare l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico, i big data, le meccaniche di gioco nell’istruzione. Davanti ai nostri occhi (e per mano dei nostri colleghi EdTech) si reinventano metodi e strumenti educativi. La forza maggiore ha iniziato a dissipare il velo del conservatorismo e dietro questo velo è stato scoperto uno straordinario spazio di opportunità.

Le startup EdTech stanno già tentando con successo di personalizzare il processo di apprendimento basato sull’intelligenza artificiale, come, ad esempio, sta facendo il canadese Knowledgehook. American Quizlet, Querium, Kidaptive si stanno muovendo nella stessa direzione. Ci sono esempi impressionanti dell’uso di robot di apprendimento (ROYBI) e blockchain (ODEM, Blockcerts) nell’istruzione. La tendenza verso la ludicizzazione dell’educazione, che si è chiaramente intensificata nel 2020 (le meccaniche di gioco utilizzano Age of Learning, Uchi.ru, Kahoot!) merita una menzione a parte. Dall’inizio della pandemia, molti insegnanti hanno iniziato a utilizzare Minecraft per l’apprendimento da remoto.

In autunno, il ministro dello Sviluppo digitale e delle comunicazioni Maksut Shadayev ha affermato che le piattaforme di videocomunicazione nazionali sarebbero state utilizzate nell’istruzione. Gli analoghi di Zoom sono stati sviluppati negli ultimi mesi da tre società russe: Yandex, Mail.ru Group e Rostelecom. È chiaro che nei prossimi anni tutte le menti brillanti del settore cercheranno la formula dell’istruzione online 2.0. Dove non è stata fatta solo la digitalizzazione dell’educazione offline (di cui, infatti, ci stiamo occupando oggi), ma sono state inventate nuove soluzioni metodologiche.

di Maksim Spiridonov

Amministratore delegato e fondatore di Netology Group

Pubblicato da Forbes Russia

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.