Press "Enter" to skip to content

ARTICO, LA NUOVA E LA VECCHIA RUSSIA

Il corpo della narrazione sull’ Artico è prodotto dalle élite politiche e intellettuali. Giustificano il ruolo specifico della Russia nel mondo dal suo territorio, dalle sue dimensioni e da altri aspetti del potere. Dopo il crollo dell’Urss, alcuni discorsi sull’identità russa identificano l’Artico come la mitica terra d’origine degli iperborea ariani o la culla perduta della “razza russa” secondo intellettuali come l’eurasiatico Alexander Dugin.

Alcune di queste teorie sono incorporate nei discorsi del regime per legittimare le sue politiche e dare loro profondità ideologica. Dagli anni Duemila, la retorica di Stato ha affermato sempre più che l’Artico è la terra della reincarnazione della Russia come grande potenza. Nel 2008, il presidente Medvedev ha dichiarato: “Il nostro compito più grande ora è fare dell’Artico la base di risorse della Russia per il ventunesimo secolo”. La nordicità diventa un elemento cardine dell’identità russa. Vladimir Putin ha detto nel 2010: “In fondo, la Russia è un Paese del Nord”. La Russia è post-imperiale nell’Artico. La ricolonizzazione è amplificata dallo sviluppo di megaprogetti: “Grandi progetti nell’Artico sono già in corso. La rotta del Mare del Nord sta rinascendo: nel 2013 lungo questa rotta sono state trasportate più di un milione e mezzo di tonnellate di merci, mentre pochi anni fa questa cifra era di poco superiore a mezzo milione di tonnellate ”, secondo il presidente russo al Consiglio di sicurezza nel 2014.

Ma cosa è esattamente la Northern Maritime Route (Nmr)? Trattasi di un progetto ereditato dalla pianificazione staliniana che mira a collegare la costa artica con il continente russo. Dalla ricentralizzazione amministrativa dell’Nmr sotto Putin nel 2000, l’aumento del tonnellaggio è stato spettacolare: la Russia prevede 20 milioni di tonnellate sull’Nmr entro il 2025, quattro volte le cifre per il 2020. Il transito segue una rotta di cabotaggio per evacuare le risorse estratte in prossimità dei porti e rifornire popolazioni non collegate da ferrovia o strada. Il lungomare artico aveva fino a 50 porti attivi sotto l’Urss. Oggi sono attivi 25 porti, 9 dei quali sono aperti tutto l’anno, e un porto sul fondo dell’estuario a Dudinka. Nmr è prima di tutto una via di uscita per le materie prime: il traffico in entrata è molto inferiore a quello in uscita, il che conferma lo stato di periferia sfruttata dell’Artico russo che riceve meno ricchezza del prodotto.

La nozione di “potere povero” di Georges Sokoloff è utile per descrivere questo modo di agire del potere russo, ereditato dall’Urss, che investe lo spazio artico con un arsenale di strumenti specifici (basi militari, industrie estrattive, porti ultramoderni) o lineare (Nmr) senza compensare la povertà del territorio, il suo declino e l’aumento delle disuguaglianze. L’incapacità dei megaprogetti di creare ricchezza locale è spiegata dalla disconnessione di questi oggetti dal territorio su cui sono imposti: la maggioranza dei dipendenti è estranea alla regione e questo status di periferia sfruttata è apertamente assunto dal Governo russo, che lo vede solo come un serbatoio di risorse. Infatti i territori dell’Artico, in una situazione periferica e fortemente dipendente dalla Nmr, hanno un’economia basata sull’estrazione di materie prime. Nell’Artico, queste attività non partecipano alla crescita locale poiché le risorse vengono catturate dallo Stato federale. Il reddito estrattivo rappresenta una quota marginale (sistematicamente inferiore al 10%) del bilancio delle regioni. D’altra parte, le tasse locali e le sovvenzioni federali rappresentano una parte importante di questo bilancio.

Resta il fatto che la monospecializzazione non è un fattore sufficiente per spiegare tutti gli aspetti del declino delle regioni dell’Artico russo. La particolare situazione dell’ Artico russo rafforza questa osservazione: la diversificazione economica è resa impossibile dalle strutture economiche ereditate dalla pianificazione sovietica. Un problema fondamentale comune ai grandi Paesi artici è il mix economico tra la tradizionale sussistenza agricola autoctona e il settore estrattivo. Questo mix si colloca nel contesto dell’impossibile sviluppo di un settore industriale moderno e competitivo in condizioni meteorologiche estreme, una popolazione in declino e una scarsa accessibilità. Le economie basate su un modello basato sulle risorse sono in una fase di transizione. La manna artica di gas e petrolio è solo un modo per respingere la questione dell’esaurimento delle risorse e dei cambiamenti climatici più sensibili nell’Artico che nel resto del mondo.

In definitiva le strategie di sviluppo dell’Artico da parte dello Stato russo investono in modo diseguale il territorio concentrandosi su spazi specifici (i porti della Nmr) ed emarginando le città monofunzionali colpite dalla maledizione delle risorse. La dipendenza generale dalle strutture ideologiche sovietiche è visibile nella ripetizione degli argomenti di potere e nelle politiche di ricolonizzazione di queste periferie sfruttate, che incarnano questo “potere povero” dove megaprogetti innovativi si confrontano con città monofunzionali deserte, in cui megaprogetti di diversificazione economica come le stazioni sciistiche derivano dallo stesso determinismo tecnologico messo in atto dal Cremlino che trascura le particolarità locali.

di Giuseppe Gagliano

Pubblicato da Il Sussidiario

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.