Press "Enter" to skip to content

UE E RUSSIA, EPPUR SI PARLANO

di Ivan Timofeev     Si dà ormai per scontato che le relazioni tra la Russia e la Ue siano in uno stato deplorevole da almeno sette anni. Le ragioni del deterioramento emergono con frequente regolarità, formando un fantasioso salvadanaio di risorse tossiche: la crisi ucraina, il caso Skripal, gli incidenti informatici e ora il caso Navalny, insieme a disaccordi su democrazia e diritti umani. Il Parlamento europeo chiede periodicamente che vengano prese misure più dure nei confronti di Mosca. Tra le misure proposte vi sono le sanzioni contro la “cerchia ristretta” del Presidente russo, il blocco del Nord Stream 2, il coordinamento delle politiche di contenimento con gli Stati Uniti, la promozione della democrazia e la cooperazione con le cosiddette “forze democratiche” all’interno della Russia. Le nostre relazioni sono periodicamente scosse da esplosioni di retorica accusatoria e minacce di porre fine al dialogo o ridurlo al minimo. Tuttavia, questo non è avvenuto. Si è scoperto che le relazioni tra Russia e UE hanno una struttura solida e funzionale, caratterizzata da diversi elementi importanti.

In primo luogo, le nostre rivendicazioni reciproche sono espresse in modo onesto e franco. In precedenza, le parti perseguivano i loro interessi sotto la copertura di idee su una sicurezza comune e indivisibile in Europa, su spazi comuni tra Russia e UE, ecc. ecc. Ora le due parti ammettono apertamente che tali schemi sono impossibili nelle condizioni attuali. La Russia non è pronta a costruirli a scapito dei propri interessi, e l’Europa non è pronta a tollerare una Russia indipendente e ambiziosa. Mosca e Bruxelles si incolpano a vicenda per il crollo del sogno della fine degli anni Ottanta e Novanta. E ogni parte ha la sua verità. Un’altra cosa, ancor più importante. La Russia e la UE hanno smesso di sperimentare illusioni reciproche. Non ci sono progetti intellettuali e politici attuabili che possano avvicinare i due attori.

In secondo luogo, i numerosi e reciproci rimproveri non significano ancora che la Russia e la UE siano una minaccia l’una per l’altra. La possibilità di un’aggressione militare non è degna di esser presa in considerazione, anche se a numerosi esperti piace discutere di tali scenari. Ciò non significa che sia completamente impossibile. Se lo si desidera davvero, in determinate circostanze potrebbe avvenire. Inoltre, la UE non ha una propria autonomia nelle questioni di sicurezza e l’equazione è complicata dalle strategie Usa. Ma anche tenendo conto della non linearità della politica americana negli ultimi anni, lo scenario di un conflitto militare resta marginale. La Russia e l’Occidente si accusano costantemente di cercare di interferire e minare il sistema politico. Giochi come questi sono stati compagni per secoli della politica estera, ma l’intervento straniero da solo non è in grado di far crollare la costruzione stabile e duratura di una grande potenza o alleanza. Per fare questo, devono ridurre i propri problemi. E lavorarci è una questione di politica interna.

Terzo, la Russia e la UE cooperano dove è vantaggioso, nonostante le crisi politiche. Inoltre, c’è una chiara tendenza a separare le controversie politiche dalle relazioni economiche. Il danno macroeconomico delle sanzioni della UE è stato molto basso per diversi anni consecutivi. Anche la Russia evita ritorsioni troppo dure, limitandosi a restrizioni simboliche sui visti. Non c’è alcun vero desiderio di vendicarsi delle grida di battaglia dei propagandisti di entrambe le parti.

Quarto, entrambe le parti credono che il tempo sia dalla loro parte. Nella UE, e in Occidente nel suo insieme, il vecchio punto di vista sulla caduta della Russia è ancora diffuso. È mescolato alla convinzione che il Cremlino elabori politiche incredibilmente astute e insidiose. Ma in generale, l’Occidente prova ancora un senso di superiorità ideologica e materiale. In un tale schema mentale, qualsiasi successo della Russia è un fenomeno temporaneo, il Paese è destinato a un graduale degrado e prima o poi prevarrà un Occidente più progressista. Devi solo essere paziente e contribuire alla natura inevitabile delle cose. In effetti, è difficile discutere con i risultati materiali della Ue e di altri Paesi occidentali. La coerenza dell’ideologia occidentale farebbe invidia a chi ha vissuto nell’era sovietica. Allo stesso tempo, l’armonia delle idee della democrazia occidentale e della sua superiorità materiale è difficile da trasformare in opportunità reali per influenzare la Russia e cambiare il suo corso politico.

Sì, la Russia ha un’economia periferica. Sì, la qualità della vita è inferiore a quella della UE. Sì, l’efficienza delle istituzioni solleva interrogativi. Ma è difficile ignorare la Russia. Il Paese affronta abbastanza bene le situazioni di crisi. A volte lo fa in modo più veloce ed efficiente rispetto ai suoi principali vicini. Costringere la Russia a cambiare rotta non è facile. La superiorità materiale e ideologica non si converte proporzionalmente in opportunità di politica estera. E questo mette in dubbio il fatto che il fattore tempo sia dalla parte della UE.

In Russia c’è anche una credenza abbastanza diffusa sulla crisi dell’Occidente, l’estinzione degli Stati Uniti e la tendenza alla dissoluzione nell’Unione europea. In effetti, ci sono molti fenomeni di crisi in Occidente. Ma nemmeno Mosca può usarli nell’interesse della propria politica estera. D’altra parte, un cambiamento nella politica nei confronti della Russia su questioni chiave è difficilmente possibile a causa delle turbolenze interne. Inoltre, molte società occidentali sono decentralizzate. Ciò complica la gestione e favorisce fratture permanenti che possono essere scambiate per segnali di una malattia terminale. In effetti, l’intera storia dell’Occidente è una storia di crisi permanenti. Ma le turbolenze interne e i fallimenti in certe direzioni non porteranno necessariamente alla crisi definitiva dell’Occidente in generale e della UE in particolare. Sarà meglio rendersene conto.

Le relazioni tra la Russia e la Ue (più in generale, le relazioni tra la Russia e l’Occidente) hanno raggiunto un punto di equilibrio. Gli architetti della Grande Europa, della Casa comune europea e di altre grandi idee simili hanno ragione a considerare lo stato attuale delle relazioni come un arretramento rispetto al recente passato. Tuttavia, consente a tutti i giocatori di valutare in modo sobrio e imparziale le proprie capacità, i propri interessi e le proprie speranze nel futuro. Ciò che conta di più è la capacità di testare i modelli di policy senza obblighi reciproci e false aspettative.

di Ivan Timofeev

Pubblicato da Russia in International Affairs Council

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.