Press "Enter" to skip to content

PROGRAMMA SPAZIALE TRA TAGLI E SEGRETI

di Giuseppe Gagliano    L’ordinanza di Alexander Bortnikov che dettaglia un elenco di informazioni che, se divulgate o trasmesse a un’organizzazione straniera, uno stato o un individuo costituirebbero una violazione della sicurezza nazionale russa, ha di fatto avvolto nel segreto le attività militari-industriali della Russia. L’ordine di Bortnikov, capo dell’FSB, è entrato in vigore l’11 ottobre e riguarda non solo l’FSB, ma anche le attività dell’SVR, del GUSP e di Rosgvardia e il complesso militare-industriale. L’ordine rende impossibile condividere o commentare queste informazioni in quanto ciò comporta il rischio di essere classificati come “agente estero” e conferma quanto indicato quest’estate. In particolare, l’ordine protegge il programma spaziale Roscomos dagli occhi di osservatori curiosi. Il programma, che fa parte di un settore strategico che attualmente sta vivendo un forte rallentamento sempre più difficile da nascondere, è uno dei segreti più gelosamente custoditi di Mosca.

Il programma spaziale è interessato da circa 24 delle 60 mozioni d’ordine dell’FSB, che di fatto mettono un muro di silenzio attorno alla condivisione di qualsiasi informazione relativa al programma Roscosmos. Ciò significa che il programma, le innovazioni, i risultati aziendali, le eventuali difficoltà incontrate, nonché i progetti di armamenti spaziali sono ora avvolti nel segreto.

Le questioni di bilancio incontrate dall’agenzia, che è guidata dall’ex ambasciatore russo presso la NATO, Dmitry Rogozin, sono una forza trainante dietro la necessità di mantenere segreti i programmi spaziali civili, militari e a duplice uso. Già all’inizio dell’anno, Rogozin, l’ex vice primo ministro della Difesa e dell’Industria spaziale, non si è trattenuto dal lamentarsi per la scarsità di risorse a disposizione di Roscosmos. Queste non sono nemmeno paragonabili a quelle dell’era sovietica, anche se Mosca pretende di rivaleggiare con il suo programma spaziale con i suoi concorrenti americani, europei e asiatici.

Nonostante le suddette restrizioni di bilancio, nonché i numerosi incidenti degli ultimi anni riguardanti i moduli della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), la Russia ha più volte ribadito l’intenzione di mettere in orbita una nuova stazione spaziale entro il 2030, nonché il suo piano per costruire una nuova stazione spaziale con la Cina. Il monitoraggio spaziale è un’altra area importante per il settore spaziale russo, come illustrato dall’annuncio del 4 ottobre in cui il ministro della Difesa russo Shoigu ha delineato i piani per l’implementazione di un sistema di sorveglianza laser ottico entro il 2025. Accanto a questo, la Russia è coinvolta nella corsa al turismo spaziale. Lo fa in diretta concorrenza con i miliardari americani che stanno cercando di partecipare all’esperienza spaziale e, di conseguenza, Roscosmos ha offerto un viaggio nello spazio al magnate dell’e-commerce giapponese Yusaku Maezawa. Questo viaggio è previsto per dicembre, in vista del viaggio sulla Luna con la nave Starship che è stata offerta all’uomo d’affari dalla controparte americana di Roscomos, SpaceX, nel 2023.

Sebbene in linea di principio si tratti di un’area di concorrenza, in realtà lo spazio è una delle rare aree in cui Mosca coopera con i suoi vicini europei, come dimostra la missione congiunta con l’Agenzia spaziale europea ExoMars. ExoMars prevede di lanciare un rover di esplorazione su Marte alla fine dell’estate 2022, rispecchiando le missioni della NASA dello stesso tipo. Roscosmos dovrebbe anche lanciare il lander Luna-25 a luglio. Questa missione lunare russa, la prima dal 1976, ha subito molti ritardi, causati in particolare dalle sanzioni europee contro la Russia a seguito del conflitto in Ucraina orientale – anche contro lo stesso Dmitry Rogozin – e un successivo rallentamento nelle consegne dei componenti.

Questa mancanza di risorse sta costringendo gli amministratori di Roscosmos a limitare le loro priorità e a concentrarsi sulla sensazione piuttosto che sull’innovazione nel loro programma spaziale, e a ridurre la ricerca. Desideroso di realizzare nuovi “primati” – come con Layka o Yuri Gagarin nel pasato – all’inizio di ottobre Roscomos ha inviato un’attrice e un regista, accompagnati dal cosmonauta Anton Shkaplerov, sulla ISS dove hanno incontrato i cosmonauti della ISS Petr Dubrov e Oleg Novitsky e hanno filmato le scene del primo lungometraggio spaziale.

Giuseppe Gagliano

Pubblicato da Startmag.it

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.