Press "Enter" to skip to content

LA DUMA ALL’ATTACCO DI MCDONALD’S

Oltre a Nestlé e Coca-Cola, è necessario “fare i conti” anche con McDonald’s, che influisce negativamente sulla cultura alimentare dei russi. Lo sostiene Gennady Onishchenko, primo vice presidente della Commissione per l’istruzione e la scienza della Duma. Secondo Onishchenko, inoltre, che la Russia dovrebbe gradualmente abbandonare l’uso di contenitori di plastica, passando a materiali biodegradabili. “Per quanto riguarda Nestlé”, dice, “non è che devi prendere e metterla al bando. Si può però fare loro questa proposta: o cambi la tua politica o semplicemente ti cacciamo dal nostro mercato. Dopo tutto, questi non sono prodotti essenziali. E poi dobbiamo occuparci anche di McDonalds. Questo fast food in poco tempo ha praticamente distrutto una cultura alimentare vecchia di secoli. Oggi, grazie a McDonald’s, il pasto asciutto, tipo le patatine mangiate alla fermata dell’autobus, è considerato quasi la norma”.

Onishchenko non è solo un politico. È stato anche (dal 1996 al 2014) il medico capo della Federazione Russa, nel posto oggi occupato da Anna Popova. Ha quindi molti titoli, anche scientifici, da portare a sostegno delle proprie posizioni. Quel tipo di alimentazione, spiega,  influisce molto negativamente sul sistema endocrino e porta, tra le altre cose, all’obesità infantile. “È una tendenza pericolosa, che colpisce la salute, e come tale dev’essere affrontata”, aggiunge il medico-deputato. Anche perché l’impresa non è impossibile: ricorda Onishchenko che in alcuni Paesi, su pressione delle autorità locali, McDonald’s ha apportato modifiche al proprio menu, per renderlo più aderente alle abitudini e alla cultura alimentare del posto.

Onishchenko è animatore anche di un’altra campagna, quella per portare a discutere con gli industriali della plastica la possibilità di eliminare gradualmente gran parte della produzione per abbandonare l’uso di contenitori di plastica per il cibo e per l’acqua. Secondo lui, dovrebbero essere utilizzati solo bottiglie e contenitori biodegradabili. “Produciamo troppa acqua in contenitori di plastica. E se questo succede anche con bevande che contengono alcol, come la birra, diventa assolutamente inaccettabile”, ha detto. “La lobby della plastica da noi è molto forte. Tutti i miei tentativi di introdurre un divieto sui contenitori per bevande a bassa gradazione si sono schiantati su ragionamenti come “costa poco, la gente ha bisogno di bere”.

di Henry Dostoevskij

pubblicato su Daily Storm 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.