Press "Enter" to skip to content

PARMIGIANO, LA CAMPAGNA DI RUSSIA

L’ambasciatore italiano in Russia Pasquale Terracciano ha definito un errore tecnico includere il parmigiano nell’elenco dei prodotti le cui importazioni in Russia sono state vietate nel 2014 in risposta alle sanzioni europee. E ha chiesto di rimuovere questo formaggio dall’embargo alimentare. “In tutti questi anni ho insistito affinché l’elenco delle contro-sanzioni fosse cambiato e adeguato alla realtà. Il parmigiano, a mio avviso, è stato incluso nel pacchetto delle sanzioni russe contro i prodotti freschi per errore, perché non è formaggio fresco, è senza lattosio”, ha detto l’ambasciatore in un’intervista all’edizione russa di Forbes. “So che Rospotrebnadzor sta studiando il problema”, ha aggiunto.


Tuttavia, Rospotrebnadzor (l’Agenzia di difesa del consumatore e per i diritti del malato, n.r.R.) non ha confermato. I suoi compiti “non includono apportare modifiche all’elenco delle merci sanzionate”, ci hanno detto i portavoce dell’autorità di controllo. L’Italia non chiede l’abolizione di tutte le contro-sanzioni alimentari, perché capisce che “devono essere una risposta simmetrica alle sanzioni [della UE]“, ha spiegato l’ambasciatore Terracciano, “ma vorremmo che questo errore tecnico venisse corretto. Sarebbe un bel gesto verso un Paese, l’Italia, che è sempre rimasto amico della Russia, nonostante le complicazioni internazionali”.

Il produttore Oleg Sirota è stato uno dei primi ad opporsi al ritorno del parmigiano Reggiano italiano, dal nome delle province produttrici di Parma e Reggio Emilia. È un membro di Russia Unita e ha pubblicizzato il suo formaggio in un incontro con il presidente Vladimir Putin alla fine del 2018. “Gli italiani sono astuti e mi ha divertito soprattutto il discorso sull’errore tecnico. Dicono che questo formaggio è senza lattosio, e quindi non dovrebbe essere incluso nella lista delle contro-sanzioni. Spiego per chi non lo sapesse: qualunque formaggio invecchiato per più di sei settimane è praticamente senza lattosio, e può essere mangiato dalla maggior parte delle persone con intolleranza al lattosio. Quindi il discorso dell’ambasciatore Terracciano è solo una furbata. Capiscono che stanno perdendo il nostro mercato per sempre e cercano un modo per rientrarvi”.

Il produttore ha ammesso che in Russia non è stato ancora possibile sostituire il parmigiano italiano con quello nazionale: “Per prima cosa, devi costruire organizzare adatte alla dieta speciale per le mucche, poi devi costruire gigantesche “cantine” per l’invecchiamento, poi lasciare lì il formaggio per anni. La tecnologia di produzione del parmigiano richiede tempo e comporta molti rischi: fai il formaggio, lo invecchi e dopo un paio d’anni scopri dove hai sbagliato”. Secondo Sirota, ci vorranno altri cinque o sette anni per “risolvere il problema con il parmigiano. Un eventuale permesso di importare parmigiano renderebbe inutili investimenti già fatti e bloccherebbe i nuovi investimenti. Ma superato quel periodo, non solo produrremo il parmigiano ma inizieremo anche ad esportarlo attivamente. Abbiamo solo bisogno di tempo”.

La proposta dell’ambasciatore italiano non è stata appoggiata nemmeno da Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo. “Senza offesa per i miei colleghi italiani, voglio dire che mi piacciono i formaggi russi tipo Kostroma o Krasnodar”, ha dichiarato alla TASS. “Sirota produce ottimi formaggi. Ci sono anche progetti internazionali. Ad esempio, non lontano da Solnechnogorsk, nella regione di Mosca, vive un americano, Jay Close, che ha imparato a fare il formaggio. È bravissimo”. Anche Tatyana Boeva, deputata della Duma, che è membro della Commissione per le questioni agrarie, ha detto che le imprese russe producono un ottimo parmigiano, che “non è peggio di quello italiano”, quindi non c’è bisogno di revocare la restrizione all’importazione di formaggio italiano .

Vasily Uzun, capo del Centro per le politiche agroalimentari dell’Accademia russa per l’economia nazionale, è invece intervenuto a favore del parmigiano italiano. “Quando vietiamo l’importazione di determinati prodotti, facciamo diminuire il nostro livello di sicurezza alimentare. E poi in Russia non ci sono solo persone povere. Anche le persone con un reddito maggiore hanno diritto a scegliersi il cibo in base al reddito. Perché dev’essere loro vietato di utilizzare le merci che si trovano sul mercato mondiale? È ingiusto privare le persone del diritto a un prodotto, dobbiamo cercare opzioni normative più morbide. Abbiamo bisogno di flessibilità per non tornare ai giorni in cui era vietata la Coca-Cola. Il parmigiano è il prodotto specifico di produttori specifici, nessun altro Paese può sostituirlo”, ha riassunto l’esperto.

L’Unione europea e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro la Russia nel 2014 a causa dell’annessione della Crimea e delle ostilità nell’Ucraina orientale. Vladimir Putin ha risposto imponendo, il 6 agosto 2014, un embargo alimentare i cui termini sono stati ripetutamente prorogati. A dicembre le autorità russe lo hanno prorogato fino alla fine del 2021. In un primo momento, l’embargo è stato applicato ai prodotti provenienti da USA, UE, Australia, Norvegia e Canada. Dal 13 agosto 2015, Albania, Montenegro, Islanda e Liechtenstein sono stati inclusi nell’elenco, e dal 1 gennaio 2016 l’Ucraina.

Pubblicato da BBC – Servizio russo

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.