Press "Enter" to skip to content

DONNE E LAVORO, FINE DELLA LISTA NERA

Quasi tutti i giorni feriali, Yelena Lysenko-Saltykova indossa l’uniforme blu scuro e sale nella carrozza di un treno elettrico per pendolari per traghettare i passeggeri tra la stazione ferroviaria Kievsky di Mosca e il sobborgo di Novoperedelkino. Non è qualcosa che dà per scontato. In qualità di prima macchinista donna di treni leggeri in Russia, Lysenko-Saltykova, 25 anni, fa parte di una piccola ma crescente fascia di donne che svolgono lavori che sono stati impossibili per decenni fino al gennaio scorso, quando la Russia ha tagliato l’elenco delle occupazioni vietate alle donne da 476 a 100. “Sono davvero felice di poter finalmente svolgere il lavoro che ho sempre sognato”, ha detto: “Alcune persone pensavano che fosse impossibile, ma tutto è possibile quando credi in te stesso e trovi persone disposte ad appoggiarti”.

A partire dagli anni Settanta, le donne sovietiche sono state escluse dai lavori fisicamente faticosi, tra cui guidare camion o lavorare come falegnami e meccanici, poiché si credeva che tale lavoro compromettesse la loro sicurezza e la capacità di affrontare una gravidanza. L’elenco dei lavori vietati è persistito nella Russia post-sovietica, e il Governo l’ha parzialmente aggiornato solo nel 2000. Con il miglioramento delle tecnologie, molti degli aspetti fisicamente impegnativi di questi lavori sono state automatizzati, ma i lavori sono rimasti off-limits. La legge è finalmente cambiata il 1 gennaio di quest’anno, dopo anni di sforzi da parte degli attivisti, aprendo le porte di centinaia di nuove occupazioni alle donne russe.

Lysenko-Saltykova aveva sognato di lavorare con i macchinari sin dall’infanzia, ma è stata attratta dai treni in particolare quando ha imparato a conoscere il lavoro ferroviario durante una lezione extracurricolare. Per un po’, dopo aver finito la scuola, ha lavorato come fabbro in un deposito ferroviario, un impiego che non comportava il contatto diretto con i treni. Dopo molti rifiuti, nel 2018 ha trovato lavoro come assistente macchinista presso la Central Suburban Passenger Company. Dopo aver completato i tre anni di mandato come assistente, Lysenko-Saltykova era pronta a fare il passo successivo e diventare un macchinista a pieno titolo. La lista dei lavori vietati è stata eliminata proprio quando lei aveva appena superato gli esami, il che le ha permesso di cominciare subito.

In un primo momento, Lysenko-Saltykova ha dovuto affrontare scetticismo e critiche da parte di uomini e donne, poiché per le donne russe è ancora considerato “poco femminile” guidare un treno. Alcuni utenti di social media hanno persino affermato che fosse stata assunta solo per pubblicità. Lei, però, ha sempre detto di aver ricevuto solidarietà dai i suoi colleghi: “I ragazzi, qui al lavoro, sapevano che sarei diventata macchinista, quindi mi hanno sostenuto. Per quanto riguarda le persone che non mi conoscono e hanno sentito parlare di me solo sui giornali, non sempre avuto un atteggiamento positivo e ci sono state molte critiche”.

Lysenko-Saltykova si definisce una “egualitaria” che sostiene la parità di diritti per uomini e donne ed è stata un’impegnata sostenitrice della modifica della lista dei lavori vietati. Insieme a Yulia Yurova, la prima donna a diventare assistente di guida, Lysenko-Saltykova ha formato un gruppo di aspiranti macchiniste che hanno iniziato a scrivere lettere al ministero del Lavoro e ai funzionari delle ferrovie già nel 2018.

Anche suo marito Lyosha è un macchinista (i due hanno tenuto la cerimonia di matrimonio in una carrozza ferroviaria)  e sperano che la loro figlia di sei anni Alexandra scelga la propria futura professione con il cuore. “Capisce perfettamente che il suo sesso e la sua nazionalità non contano: può essere chi vuole essere”, dice Yelena. Nonostante un ritmo di lavoro estenuante, con turni di 12 ore al giorno e anche di notte, lei è convinta di riuscire a tenere separate la vita professionale e quella domestica. “Non credo che sia una questione di equilibrio. Il lavoro è lavoro e la casa è casa … Quando si tratta di orari, ci sono molte donne nel nostro Paese che svolgono un lavoro a turni, comprese le dottoresse e persino le commesse. E anche loro hanno figli“.

Nei prossimi mesi e anni, sempre più donne seguiranno le orme di Lysenko-Saltykova. Ha detto che diverse donne assistenti alla guida della sua azienda stanno ora lavorando per diventare autisti di metropolitana leggera suburbana. E nel vasto sistema ferroviario sotterraneo di Mosca, dodici donne sono diventate autisti della metropolitana per la prima volta nella sua storia moderna, un evento ricordato anche con una serie di Barbie commemorative. Nei prossimi cinque anni, la metropolitana prevede di formare e reclutare 500 autisti donne.

di Samantha Berkhead

Pubblicato in Moscow Times

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.