Press "Enter" to skip to content

BIELORUSSIA, GAZPROM SI PRENDE LA RIVINCITA

L’11 novembre, Russia e Bielorussia hanno risolto la questione del debito bielorusso per il gas fornito dalla Russia nel 2020 e hanno iniziato a discutere le condizioni per le forniture per il 2021. Non importa quali conti abbiano fatto sulla carta. Se erano soldi del Fondo eurasiatico per la stabilizzazione e lo sviluppo controllato dalla Russia o no. Il fatto è che la Bielorussia ha estinto il debito poco dopo aver ricevuto un prestito di 500 milioni di dollari dal Fondo stesso. Gazprom ha dichiarato che il debito è stato saldato per intero, anche se in precedenza c’era stata qualche questione sul mancato pagamento degli interessi di mora. Così è crollata anche la versione di Minsk, che sosteneva che la causa della discordia stava nella scarsa capacità calorica  del gas fornito dalla Russia.

Il gruppo Gazprom ha anche riconquistato il controllo su Belgazprombank, perso il 15 giugno scorso quando la Banca centrale della Bielorussia aveva deciso di insediare un’amministrazione speciale attraverso cui gestire direttamente la banca. Tutto ciò accadeva  dopo l’arresto di alcuni top manager di Belgazprombank, tra i quali in primo luogo l’amministratore delegato Viktor Babariko, che si era candidato alle elezioni presidenziali contro il presidente in carica Lukashenko. L’allora capo del KGK (e ora del KGB) Ivan Tertel disse che dietro le “attività illegali” di Babariko c’erano dei “burattinai”, ovvero “grandi capi di Gazprom, e forse anche più in alto”. Il primo sospettato era Andrey Kruglov, che dal 1995 al 2001 ha lavorato nell’ufficio del sindaco e nell’amministrazione di San Pietroburgo e nel 2002 è diventato membro del consiglio d’amministrazione di Gazprom. Per 15 anni è stato vicepresidente del consiglio d’amministrazione del colosso che detiene il monopolio nelle esportazioni russe da gas e nella primavera del 2019 è stato nominato viceministro delle Finanze della Federazione Russa.

In precedenza, però, Kruglov era stato per molti anni presidente del consiglio di amministrazione di Belgazprombank. Lui e sua moglie hanno concesso prestiti a una banca bielorussa per 11,5 milioni di euro. Alcuni di questi fondi sono stati persino utilizzati dalle forze di sicurezza bielorusse. È vero, nell’agosto 2020 Kruglov ha dichiarato per il 2019 un reddito di 771,2 milioni di rubli (oltre 10 milioni di dollari), oltre a una serie di terreni, appartamenti e cottage, tre motociclette Harley-Davidson e quattro autovetture – Mercedes-Benz , Bentley Continental, Hyundai Santa Fe e Toyota Land Cruiser. In questo modo, secondo Forbes si è classificato al 19° posto nella classifica dei 100 funzionari e politici più ricchi della Russia. Il primo tra i membri del Governo russo. Le forze di sicurezza bielorusse non hanno presentato ulteriori denunce contro i “burattinai” di Gazprom. E il 10 dicembre l’amministrazione temporanea della Banca centrale di Bielorussia ha lasciato Belgazprombank.

Il nuovo consiglio di amministrazione della banca è formato dagli attuali dipendenti della banca: tre vicepresidenti che non sono finiti in carcere e quattro capi di dipartimento. Irina Potapova, che era uno dei vice di Viktor Babariko, è stata nominata presidente ad interim. In sostanza, ciò significa che le autorità bielorusse hanno restituito Belgazprombank ai proprietari russi senza alcuna pretesa. La disponibilità della parte bielorussa è facile da spiegare. Sono in corso i negoziati sulle forniture di gas e petrolio per il 2021. Inoltre, la congiuntura mondiale non gioca a favore di Minsk. Ad aprile, le autorità bielorusse si erano indignate per il fatto che il mercato spot europeo pagava meno di 100 dollari per 1.000 metri cubi di gas, mentre alla Bielorussia costava ne costava 127. Ora Minsk non può sfruttare questo squilibrio a proprio vantaggio, poiché i prezzi del gas in Europa sono saliti al massimo da marzo 2019, cioè a 209 dollari.

In questo contesto si deve risolvere un altro intrigo. Ovvero, il destino di Viktor Babariko e della sua squadra. Babariko ha guidato il Belgazprombank per molti anni fino a quando non ha annunciato le sue ambizioni presidenziali nel maggio 2020. Il 18 giugno, Babariko e suo figlio, che era a capo del comitato elettorale del padre, sono stati arrestati. Il 14 luglio, la Commissione elettorale centrale ha rifiutato di registrare il banchiere come candidato alla presidenza, nonostante avesse raccolto circa 400.000 firme. Ad agosto-settembre, le forze di sicurezza hanno inferto il colpo finale al quartier generale di Babariko: hanno arrestato o espulso dal Paese i personaggi-chiave e chiuso l’ufficio principale.

È indubbio che il destino di Babariko sia discusso al più alto livello politico tra Russia e Bielorussia. La conseguenza è stata una visita pubblica di Lukashenko al centro di detenzione preventiva del KGB. Ma i tentativi di raggiungere un accordo finora non sono stati coronati da successo. Il progetto del regime bielorusso è mostrare che Babariko è un criminale, per poi espellerlo dalla vita politica attiva. Ma il banchiere non ammette alcuna colpa e resta in attesa di giudizio, forse nella speranza che Gazprom almeno non lo abbandoni in un momento difficile.

Viktor Babariko è stato a capo della Belgazprombank per vent’anni. Per il sistema bancario bielorusso, questo è un caso piuttosto unico, poiché dagli anni Novanta solo Sergei Kostyuchenko continua a guidare la Priorbank. Ciò significa che per due decenni gli azionisti russi sono stati soddisfatti del lavoro di Babariko. Sono ora pronti a difendere il loro compagno bielorusso? Possono farlo assolvere? È ovvio che per Lukashenko rinunciare a perseguire il suo più serio avversario politico sarebbe un boccone difficile da digerire. Vale quindi la pena di seguire con attenzione anche questo capitolo della contrattazione tra Russia e Bielorussia.

di Aleksander Zajaz

Pubblicato in Tut.By

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.