Press "Enter" to skip to content

SOCIETA’ IN LUSSEMBURGO, CHE PACCHIA!

Nonostante la promessa delle autorità di garantire trasparenza, il Lussemburgo rimane “un paradiso fiscale nel cuore della Ue” per aziende, uomini d’affari e celebrità che cercano di nascondere le proprie ricchezze. È la conclusione a cui sono giunti i giornalisti di Le Monde, che sono riusciti a scoprire i veri proprietari di decine di migliaia di società registrate nel Granducato. Nel censimento compilato da Le Monde, il partner russo dell’edizione, Vazhnie Istorii (Storie Importanti), ha trovato “più di mille russi”. Secondo il sito, tra loro ci sono più di 20 membri della classifica Forbes dei supermiliardari, usciti da grandi società statali, e altri  che “sono a loro strettamente collegati”. “Le società del Lussemburgo sono spesso usate per legalizzare proprietà immobiliari in altri Paesi europei, più vicini ai mari caldi. Il Lussemburgo non ha accesso al mare, ma offre regimi fiscali speciali in proposito”, dice la pubblicazione.

Sulla base dei “dossier lussemburghesi”, i giornalisti di Vazhnie Istorii hanno pubblicato tre inchieste: sugli investimenti di dirigenti di Gazprom in immobili d’élite in Europa; sul figlio di un top manager delle Ferrovie Russe, proprietario di immobili del valore di decine di milioni di euro; e sull’accordo di Rosneft per acquistare una partecipazione nel gigante italiano degli pneumatici Pirelli.

Secondo il sito, dunque, Andrei Goncharenko, che fino al 2013 ha lavorato come vicedirettore di Gazprom Invest Yug, ha speso “quasi due miliardi di rubli” in immobili in Francia. La pubblicazione, citando il registro del Lussemburgo, indica Goncharenko come beneficiario di due società registrate in questo Paese. Una, la Pmb Real Estate, possiede terreni e fabbricati nella prestigiosa località francese di Saint-Jean-Cap-Ferrat. La società ha qui acquistato un terreno per quasi 3 milioni di euro, edifici per quasi 7 milioni di euro e ha poi speso circa 29 milioni di euro per la ristrutturazione. Un’altra società, Rossa Real Estate, ha acquistato una villa in Rue Charles Laffitte, alla periferia di Parigi nel 2007, per quasi 7,7 milioni di euro e l’ha rivenduta nel 2017.

“Goncharenko non è il solo ad amare i resort francesi”, osserva Vazhnie Istorii. Il sito ha anche trovato tre aziende con sede in Lussemburgo dell’ex consigliere di Gazprom Anatoly Kozeruk. Farne Real Estate, Tesa Real Estate e Aste Real Estate possiedono immobili in Francia il cui valore, al momento dell’acquisto nel 2008-2009, ammontava a “più di 1,4 miliardi di rubli“, scrivono gli investigatori. Goncharenko e Kozeruk non hanno risposto alla richiesta d’un commento.

Un altro articolo di Vazhnie Istorii è dedicato al “grande rentier internazionale” Sergei Toni, figlio trentatreenne del vicedirettore generale delle Ferrovie russe Oleg Toni. Attraverso diverse società lussemburghesi, Sergej possiede beni per un valore di oltre 50 milioni di euro, mentre un fondo di investimento “a lui collegabile” possiede immobili del valore di altri 40 milioni di euro. Appartamenti nel centro di Parigi, due ville sul Costa Azzurra, altri immobili nel Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna e Germania. Come scritto nell’articolo, gli immobili di lusso in Europa hanno iniziato ad apparire nella famiglia Toni nel 2003-2004, “quasi nello stesso periodo in cui Toni Senior ha iniziato a lavorare alle Ferrovie Russe” (2004)  Sergei Toni, interpellato via Messenger, non ha risposto alle richieste di chiarimenti. Suo padre, Oleg Toni, non ha risposto alle domande inviategli tramite il servizio stampa delle Ferrovie Russe.

Vazhnie Istorii sostiene inoltre che la partecipazione azionaria in Pirelli, di cui Rosneft aveva annunciato l’acquisto per quasi 553 milioni di euro nel 2014, è poi finita a persone “vicine al management” della compagnia petrolifera usa. L’acquirente delle azioni Pirelli era Long Term Investments Luxembourg, registrata in Lussemburgo otto giorni prima dell’operazione. Secondo le indagini, è stata creata dalla società di Mosca Long-Term Investments, che a quel tempo apparteneva a una giovane insegnante di danza, Aya Belova. Il padre della ragazza, Sergei Belov, era un socio in affari di persone del gruppo Region, che gestisce il fondo pensioni di Rosneft. Tra coloro con cui Belov ha avuto rapporti d’affari, Vazhnie Istorii cita ex dipendenti del gruppo come Valery Mikhailov e Pavel Vaschenko.

Come ha scritto Forbes, Vaschenko e Mikhailov sono comproprietari della società cipriota Riverstretch, “uno degli attori più misteriosi” nel mercato immobiliare di Mosca. Il nome “Valery Mikhailov” è stato citato nel caso di una tangente all’ex ministro Alexei Ulyukaev. Fu l’ex generale dell’FSB Oleg Feoktistov, che dirigeva il servizio di sicurezza di Rosneft, a dire nella testimonianza che un “investitore privato” di nome Valery Mikhailov gli diede 2 milioni di dollari, che furono poi girati a Ulyukaev … Forbes aveva poi chiesto al Mikhailov di Riverstretch si si trattasse di lui stesso, ma non aveva ricevuto risposta.

Il suo socio Vashchenko, invece, ha iniziato come commerciante e ha fatto una veloce carriera dopo aver stretto buoni rapporti con il top-management di Rosneft. Anche dopo aver lasciato il gruppo, Vaschenko sarebbe rimasto un mediatore informale tra la Region (vedi qui sotto) e la compagnia petrolifera e avrebbe regolarmente partecipato alla stipula di accordi tra le due società.

Nel 2015, intanto, titolare della Long-Term Investments è diventata, al posto della giovane Belova, la Regionfinanceresource Management Company, che a sua volta appartiene a una residente di Kazan, Natalia Bogdanova, scrive Vazhnie IstoriiSecondo il sito, Bogdanova ha lavorato nelle strutture del gruppo Regione almeno dalla metà degli anni 2000. Nel 2017, Long-term Investments ha cambiato nuovamente proprietario: il nuovo beneficiario, secondo il rapporto Pirelli, era il principale proprietario del gruppo Region, Sergei Sudarikov.

Entro il 2020, secondo il registro lussemburghese, Arkady Mutavchi, ex dipendente della Federal State Unitary Enterprise “Product Supply Enterprise of the Administrative Department of the President of Russia”, è diventato proprietario di Long Term Investments Luxembourg, che possiede azioni Pirelli (a quel punto aveva cambiato il suo nome in Tacticum Investments). Sempre secondo Vazhnie Istorii, nel 2019 Mutavchi era diventato un importante investitore e partner di Sudarikov e del gruppo Region: insieme hanno acquisito Pharmacy Chain 36.6 (in seguito Mutavchi ha venduto la sua quota). E all’inizio del 2021, il proprietario della Moscow Credit Bank (MCB) Roman Avdeev è diventato il nuovo beneficiario del Tacticum con sede in Lussemburgo. Con riferimento alla risposta di Tacticum, si precisa che nel 2020 la società lussemburghese ha dovuto rimborsare un prestito a MKB preso nel 2017, quando era di proprietà di Sudarikov.

Rosneft e il gruppo Region non hanno risposto alle domande dei giornalisti,  come anche Sudarikov, Vashchenko, Belov e Mikhailov. Aya Belova ha chiesto ai giornalisti di richiamare, ma poi ha smesso di rispondere al telefono e non ha risposto ai messaggi. Mutavchi non ha risposto alle domande trasmesse tramite i suoi parenti. Forbes ha anche inviato richieste a Rosneft e al gruppo Region ed è in attesa di una risposta.

Le Monde sottolinea che le informazioni non sono il risultato di un furto di dati. L’indagine si è basata su oltre 3,3 milioni di documenti di 260.000 società con sede in Lussemburgo che i giornalisti hanno ricevuto dal registro delle imprese del Paese tra il 2016 e il 2020. “L’anello mancante”, come osserva il giornale, è stato ottenuto nel 2019, quando le autorità lussemburghesi hanno aperto un altro database: il registro dei beneficiari e dei proprietari. In esso, i giornalisti hanno trovato più di 115.000 persone provenienti da almeno 150 Paesi associati ad aziende iscritte nel registro di commercio. “Il cerchio era chiuso: ora era possibile cercare il nome di una persona e ottenere facilmente tutti i documenti delle aziende a lui associate”, spiega Le Monde.

La pubblicazione francese ha rilevato che nel granducato sono registrate 55.000 aziende “fantasma” senza uffici e dipendenti, che però gestiscono patrimoni per un valore complessivo di oltre 6 trilioni di euro. Queste società sono “create da miliardari, multinazionali, atleti, intrattenitori, funzionari di alto rango e persino membri di famiglie reali”, afferma l’inchiesta. 37 delle 50 famiglie francesi più ricche e almeno 279 miliardari della lista di Forbes gestiscono denaro attraverso il Lussemburgo, scrive Le Monde.

I giornalisti di Le Monde richiamano inoltre l’attenzione sul fatto che le autorità lussemburghesi non sono in grado di garantire un controllo effettivo su tutti i flussi di cassa che attraversano il Granducato. Solo 59 persone lavorano nel registro delle imprese del Paese, che deve controllare gli obblighi di oltre 100.000 persone giuridiche. La Financial Sector Supervision Commission ha 900 dipendenti, sebbene il settore finanziario rappresenti un quarto dell’economia del Paese.

di Timur Batyrov, Yana Milyukova, Dmitrij Yakovenko e Julija Kotova

Pubblicato da Forbes

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.