Press "Enter" to skip to content

LA RUSSIA E IL COVID: IL SISTEMA SANITARIO… (4)

di Kadri Liik      Gran parte dei cittadini russi fatica a dare un senso alla crisi del Coronavirus. “La gente crede ai pettegolezzi, ma solo fino a un certo punto. Registra un fatto ma lo mette tra le cose dubbie”, ha scritto Levinson. “Di chi è la colpa: del coronavirus o dei vertici? Sono invisibili e onnipresenti come il virus. Ma il virus non ha uno scopo particolare in mente, mentre loro sì: tenerci a bada in modo da non causare problemi “. Sembra che la sfiducia nello Stato lasci la sua impronta su tutte le percezioni pubbliche legate al virus. La crisi funziona come un filtro attraverso il quale il pubblico vede e interpreta tutti gli altri sviluppi, soprattutto le azioni di chi è al potere. A volte, questo è giustificato. Ad esempio, è probabilmente vero che, pur gestendo il Coronavirus, il Cremlino ha sempre cercato di adattare le misure sanitarie alla sua agenda politica. Tuttavia, molte altre cose di cui i russi si lamentano nei focus group e nei sondaggi di opinione, e di cui incolpano lo Stato, riflettono solo la confusione generale su come comportarsi all’inizio della pandemia e non sono affatto specifiche della Russia.

Come molti Paesi in Europa, la Russia ha interrotto in fretta i viaggi da e per la Cina, ma non è riuscita a farlo con l’Italia. Inoltre mancavano i materiali per i test e i dispositivi di protezione. Nessuno sapeva bene come diagnosticare il Covid-19 o come valutare u lockdown. Il risultato è stato che alcune persone hanno considerato la risposta del Governo troppo dura, altri troppo morbida. E queste posizioni non erano necessariamente divise lungo le tradizionali linee liberali/conservatori (o ciò che per loro passa in Russia).

In autunno la Russia – come il resto d’Europa – è stata colpita da una seconda ondata di pandemia che è stata più grave in termini di infezioni e numero di morti, ma che ha lasciato solo un’impronta marginale nelle discussioni e nelle narrazioni politiche. La risposta della Russia al Coronavirus in realtà non è stata peggiore di quella di altri Paesi, ma ciò che colpisce è la riluttanza dei russi a credere che lo Stato agisca in buona fede.

Prendiamo, ad esempio, il sistema sanitario russo. Secondo una ricerca del Levada Center, le persone rispettano il lavoro di medici e infermieri, ma hanno un’opinione molto bassa del sistema sanitario. Lo incolpano di aver tardato a mettersi in azione, consentendo lo sviluppo di infezioni da Covid-19 negli ospedali, e di essere in genere poco preparato all’emergenza. Tuttavia, uno sguardo ai dati non sembra supportare questa valutazione. Paradossalmente, alcune apparenti debolezze del sistema sanitario russo sono diventate punti di forza durante questa particolare pandemia.

Per esempio, l’elevato numero di letti ospedalieri: secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità 2013/2014 (gli ultimi disponibili), prima della pandemia la Russia aveva all’incirca lo stesso numero di letti d’ospedale pro capite della Germania. La Russia aveva 818 letti d’ospedale ogni 100 mila persone, mentre la Germania 826 ogni 100 mila; e aveva 641 posti letto  in terapia intensiva contro i 621 tedeschi. In Germania, questa è la caratteristica di un sistema sanitario decentralizzato, in Russia, è il risultato di riforme parziali a un sistema centralizzato. Sia la Russia sia la Germania hanno più letti in terapia intensiva rispetto alla maggior parte degli altri Paesi europei (anche se il numero di letti della Russia è leggermente diminuito a causa delle riforme intraprese dal 2013).

In circostanze normali, un gran numero di posti letto è spesso considerato un segno di inefficienza, poiché incentiva il trattamento ospedaliero a scapito delle cure ambulatoriali. Un sistema sanitario così largo, inoltre, non può offrire servizi complessi e di alta qualità in tutti i suoi ospedali. Tuttavia, poiché il Coronavirus costringe le persone con infezioni gravi a rimanere a letto per settimane, l’abbondanza di letti ospedalieri è diventata un vantaggio.

Si potrebbe probabilmente dire lo stesso dell’enorme flotta di ambulanze della Russia. Prima della pandemia, alcuni analisti stimavano che il tasso di chiamate di emergenza in Russia fosse quasi tre volte superiore alla media dei membri dell’Ocse. Questo è un’indicatore di scarsa assistenza primaria, che costringe molte persone a chiamare i servizi di emergenza. Ma, durante la pandemia, l’accesso a un servizio di ambulanze di quella portata si è rivelato un vantaggio.

Tuttavia, la crisi ha messo in luce le evidenti carenze nelle cure primarie. “Siamo fortunati ad avere una disponibilità di letti relativamente grande per accogliere gli infetti, ma abbiamo una capacità limitata di selezionare i casi in base alla gravità e di gestirne alcuni a casa”, ha detto Igor Sheiman, specialista sanitario presso la Higher School of Economics che ha contratto lo stesso Covid-19. “Come paziente Covid, l’ho sperimentato io stesso. Gli operatori dell’assistenza primaria testano i pazienti, emettono diagnosi in casi semplici … e redigono accordi di autoisolamento. Poche settimane dopo ti mettono di nuovo alla prova. Niente in mezzo. Nessuno conosce il mio stato e si preoccupa per me“.

Inoltre, l’abbondanza di letti ospedalieri non è pari al numero di personale medico, la cui scarsità ha costretto fin dall’inizio la Russia a fare affidamento sugli studenti di medicina. Inoltre, il sistema sanitario russo è ancora sottofinanziato: prima della pandemia, il Paese spendeva il 3,5% del PIL per la salute pubblica, rispetto al 6-10% nei Paesi della UE. Ciò ha provocato notevoli squilibri regionali: la Russia ha una media di 45,2 medici ogni 10 mila abitanti nelle aree urbane, rispetto a solo 14,5 ogni 10 mila nelle aree rurali. Durante la prima ondata della pandemia, lo squilibrio è stato in qualche modo compensato dal fatto che le metropoli come Mosca e San Pietroburgo erano i principali hotspot Covid-19. Ma la seconda ondata ha investito le regioni, stressando il sistema sanitario oltre i suoi limiti. In diverse regioni gli ospedali traboccano di pazienti e la situazione è quasi catastrofica.

Anche così, la caratteristica politicamente interessante di questa situazione è che, fin dall’inizio, i russi sono stati riluttanti a prestare alle istituzioni un ascolto equo, sottolinendo più i difetti che i loro risultati. “Non possiamo dire che il governo o il potere russo abbia fallito in modo spettacolare”, ha detto Schulmann. “L’enorme burocrazia è stata più o meno all’altezza. Ma questi sforzi non sono stati accolti con approvazione da parte dei cittadini”.

di Kadri Liik

Pubblicato da European Council on Foreign Relations – 4. continua

 

 

Tutte le notizie e l’attualità sul nostro canale Telegram

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.